Allergie nei bambini: alimenti da attenzionare

Nella fase di crescita di un bambino è possibile che quest'ultimo possa sviluppare delle allergie che vanno attenzionate per evitare delle conseguenze, sia lievi che più gravi

I bambini, rispetto agli adulti, sono ovviamente più sensibili rispetto al resto della popolazione quando si parla di allergie

Per questo motivo tutti i medici di solito raccomandano ai genitori, quando i bambini iniziano a mangiare cibi solidi, di poterli testare in maniera separata per poter rilevare subito eventuali allergie.

Esistono alcuni alimenti, che verranno descritti di seguito, che causano il 90% delle allergie nei bambini.

Arachidi - E' un tipo di allergia che di solito dura tutta la vita ma che nel 20% dei casi, quando parliamo di bambini, può svanire una volta passata l'infanzia. Le arachidi non appartengono alla famiglia delle noci, quindi essere allergico alle noci non significa esserlo anche alle arachidi. Bisogna prestare attenzione perchè possono causare reazioni allergiche molto gravi.

Noci - Pur essendo un alimento molto salutare per i bambini, perchè fornisce proteine e grassi essenziali, bisogna fare attenzione a come reagiscono i bambini. 

Soia - Rappresenta una causa comune di allergia alimentare nei bambini. Anch'essa di solito scompare in età adolescenziale ed adulta. Ma le reazioni che può causare sono gravi, ragione per la quale è importante diagnosticarla per tempo.

Uova - E' un tipo di allergia che nei bambini scompare di solito verso i 15-16 anni ma che in precedenza puà avere conseguenze sia lievi che gravi. Le reazioni principali sono tosse, difficoltà respiratorie, orticaria, lacrimazione e diarrea.

Latte - E' una delle allergie più comuni che può manifestarsi sia con quello vaccino che con quello di pecora, capra o altri mammiferi. Anche in questo caso è un tipo di allergia che scompare col passare dell'età. Nel periodo clou è però meglio evitare sia il latte che tutti i prodotti derivati.

Pesce - E' un tipo di allergia che compare nei primi due anni di vita. E' più resistente di quella al latte ed alle uova, quindi può anche resistere per tutta la vita e si manifesta già la prima volta che il bambino mangia del pesce.

Semi - Una delle più comuni allergie è sicuramente quella al sesamo. Per fortuna non è comune tra i bambini. Bisogna comunque prestare attenzione se eventualmente i bambini cominciano ad inserirli nella loro dieta.

Grano - L'allergia alle proteine del grano è più comune nei bambini che negli adulti ma scompare col passare dell'età. Non coincide assolutamente con la celiachia. In questo caso i bambini sono allergici alle altre proteine presenti nel grano e non al glutine. Possono quindi mangiare orzo, segale ed altri cereali con glutine. 

Molluschi - Quando parliamo di allergia ai crostacei bisogna distinguere i primi dai molluschi. L'allergia alle vongole, alle cozze, alle ostriche od alle capesante non impica che si sia allergici anche ai pesci o ad altri tipi di molluschi come i crostacei.

Crostacei - Gamberetti, gamberi, aragoste. Possono innescare delle reazioni allergiche anche gravi, ragione per la quale è importante prestare grande attenzione. E' un tipo di allergia che può manifestarsi improvvisamente in qualunque fase della propria vita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo rossa a Catania, scuole chiuse martedì 12 novembre

  • Ferlito, il figlio del boss "perdente" e la 'Ndrangheta: "Il porto di Catania non è buono"

  • Fungo porcino record trovato alle pendici dell'Etna: 4,3 chili

  • Estorsione al titolare di un camion dei panini: cinque arrestati

  • Meteo: in arrivo piogge e raffiche di vento su Catania

  • Bonus facciata 2020: come funziona e come ottenerlo

Torna su
CataniaToday è in caricamento