Cavolfiore a tavola: proprietà e benefici

Il cavolfiore è un ortaggio apprezzato in tutto il mondo per il suo sapore, per le proprietà nutrizionali e per il basso contenuto calorico

Il cavolfiore è un alimento apprezzato in tutto il mondo sia per le proprietà nutrizionali che per il basso contenuto calorico (25 calorie ogni 100 grammi).

Nel cucinarlo è importante in primis eseguire correttamente le operazioni di pulizia. Per eliminare gli scarti bisogna incidere il torsolo con un taglio a croce e procedere successivamente con il lavaggio e la spezzatura. Una pulitura ottimale si ottiene dopo 30 minuti di infusione nell'acqua con aceto o limone.

La sua essenza non sempre gradevole è dovuta alla grande quantità di zolfo presente nella verdura che si elimina soltanto dopo 15 minuti di cottura. 

Al suo interno troviamo calcio, fosforo, potassio, acido folico, vitamina C e ferro. In particolar modo contiene 350 mg di potassio, 44 mg di ferro, 30 mg di sodio e 15 mg di magnesio. Non mancano nemmeno vitamina C (59 mg), vitamina A (50 mg), alcune vitamine del gruppo B e la vitamina K.

Cavolfiore - Benefici

- antiinfiammatorio

- contrasta l'ipertensione

- depura

- aiuta il sistema immunitario a combattere l'invecchiamento precoce ed a difendere tutto l'organismo dagli attacchi di germi e batteri

- grazie alla presenza di molte fibre è un alleato di coloro che vogliono tenere a bada glicemia e colesterolo

- contiene anche la colina, una vitamina del gruppo B fondamentale per lo sviluppo cerebrale; mangiarlo in gravidanza migliora l'accrescimento e le connessioni dei neuroni dell'ippocampo, regione del cervello che riguarda apprendimento e memoria

- antitumorale: funzione che deve a due sostanze, glucosinolati e isotiocianati

E' particolarmente indicato per le diete a basso contenuto calorico e per problemi di diabete grazie al contenuto livello di zuccheri.

Cavolfiore - Qualche controindicazione

- limitarne il consumo durante il ciclo mestruale perchè contiene agenti che eliminano lo iodio (nel corso del ciclo le donne perdono molto iodio)

- non deve mangiarlo chi soffre di ipotiroidismo perchè rallenta ancora di più il funzionamento della tiroide

- non mangiarlo se si assumono farmaci anticoagulanti

- le purine contenute al suo interno se ingerite in abbondanza possono provocare calcoli renali

- un suo consumo eccessivo può portare a reazioni allergiche

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva preso due aerei ed un taxi per tornare in Sicilia: morta 73enne

  • "Sono uscito per vendere droga", lo dichiara nell'autocertificazione: arrestato

  • Coronavirus, l'avanzata resta costante: in Sicilia 73 nuovi casi, a Catania +30

  • Fanno la spesa, ma non possono pagare: due cittadini identificati

  • "A casa con febbre e tosse, ma nessun tampone", il racconto di un giornalista di CataniaToday

  • Coronavirus, al Garibaldi già dieci guariti con la terapia "combinata"

Torna su
CataniaToday è in caricamento