Sushi: tutto quello che c'è da sapere

Tutti pensano che mangiare sushi sia ideale sia per il gusto che per mantenere la linea: ecco invece alcune informazioni che riguardano la cucina giapponese

Il sushi, piatto forte della cucina giapponese, non è nient'altro che pesce crudo di vario tipo (salmone, tonno, sogliola) che viene arrotolato con il riso, spezie ed altri ingredienti come uova, alghe o verdura. 

Sushi - Ecco quale troviamo in tavola in Occidente

1. Il nigiri è una polpettina di riso ricoperta da una fettina di pesce crudo o cotto (polipo, salmone, tonno, gambero) e spesso viene accompagnato dall'alga nori. 

2. L'hosomaki è un piccolo bocconcino di riso (ideale per chi comincia a mangiare giapponese) con dentro pesce, avocado, carota, gamberi o uova di storione ed avvolto in alga nori. 

3. Il futomaki, è un roll di riso ripieno di 4 ingredienti che sono sempre verdure, uova di pesce ed è avvolto in alga nori. 

4. L'uramaki è uguale al futomaki, con la differenza che l'alga nori è al centro. 

5. Il temaki è concepito come cibo da passeggio. E' un cono di alga nori, ripieno di riso, verdure e pesce. Si mangia a morsi, vista ovviamente l’impossibilità di prenderlo con le bacchette.

6. Il sashimi è un piatto di fettine di salmone, tonno, o spigola crude, che vengono adagiate su un letto di ghiaccio.

Sushi - Quante calorie

Se parliamo di sashimi, consistendo solamente in pesce crudo (ricco di omega 3, proteine, vitamine) che essendo mangiato così fa sì che i suoi principi nutritivi non si perdano durante la cottura. Se mangiamo salmone siamo a 180 kcal, se invece mangiamo tonno o gambero (sempre 100 g) scendiamo rispettivamente a 150-70 kcal.

Quando invece facciamo riferimento alla ricetta base, ossia riso, pesce ed alghe, se ne consumiamo 6 pezzi possiamo accumulare 200-300 kcal

Se invece aggiungiamo maionese, uova, frittura e salse le calorie salgono sensibilmente. La tempura può avere per esempio fino a 500 kcal e 20 grammi di grassi in più. 

Cucina giapponese - Altre informazioni utili

Molto importante, quando si mangia sushi, è non rischiare di contrarre tossinfezioni. Se l'abbattimento del pesce crudo non è corretto è possibile contrarre una parassitosi che può comportare disturbi anche gravi. 

Il riso bianco del sushi contiene zucchero, sale e aceto di riso. E' ricco di carboidrati raffinati, motivo per il quale, se ti rechi spesso al ristorante giapponese, poter optare anche per la versione integrale. 

Le alghe sono ricche di acqua, iodio, vitamine e clorofilla, che è un ottimo antiossidante ed è fonte di magnesio. Non dovrebbe abusarne chi soffre di tiroide.

La salsa di soia è fatta con fagioli di soia fermentati e farina. Non bisogna esagerare con quest'ultima, un suo eccessivo utilizzo comporta ritenzione idrica ed ipertensione. Un cucchiaio di soia corrisponde al 40% della quantità di sale che dovremmo normalmente assumere nel corso di una giornata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reati fiscali, coinvolti nomi della cordata interessata al Calcio Catania: gli arrestati

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 10 luglio 2020

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, auto contro tir: morta una donna, grave il figlio

  • Chiusa un'officina abusiva grazie a una segnalazione sull'app YouPol

  • "Fake Credits", arrestato Paladino: futuro in bilico per il Calcio Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento