Aci Sant’Antonio, terremoto: istituito lo sportello "Il Comune ti ascolta”

Un dipendente comunale accoglierà chi farà richiesta d’ascolto, indirizzandolo, poi, agli assistenti sociali del Comune

Il settore dei servizi sociali di Aci Sant’Antonio, alla luce del drammatico sisma che ha colpito la città, ha istituito lo sportello “Sisma di S. Stefano: il Comune ti ascolta”, un punto d’ascolto a disposizione di chi ha subito la violenza del sisma e si trova ad affrontare momenti di estrema difficoltà. Quanti hanno bisogno di supporto potranno recarsi al centro operativo comunale, presso il palazzo del Comune in via Regina Margherita, 8, o presso il Palazzo Cantarella, in piazza Raimondo Cantarella, 6, oppure contattare preventivamente l’Ente al numero 0957010011.

Un dipendente comunale accoglierà chi farà richiesta d’ascolto, indirizzandolo, poi, agli assistenti sociali del Comune. Questi ultimi hanno a supporto un gruppo di psicologi che hanno dato la loro disponibilità per assistere quanti in questo periodo presentano necessità di sostegno.

“È di estrema importanza in questo momento – ha fatto sapere il sindaco di Aci Sant’Antonio, Santo Caruso – offrire non solo aiuto materiale, ma anche supporto morale. Per questo abbiamo messo a disposizione di chi palesa delle difficoltà derivanti dal trauma del sisma un gruppo di persone capace di fornire l’aiuto che serve”. Nel rispetto di chi farà richiesta di assistenza le informazioni e i contenuti degli incontri saranno strettamente riservati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage dopo una serata in discoteca, nessuno indossava la cintura di sicurezza

  • La polizia arresta il gestore della "Trattoria il Principe"

  • Con un elicottero avevano rubato la Biga di Morgantina nel cimitero di Catania: 17 arresti

  • Mafia: blitz antidroga della polizia contro il clan Arena a Librino

  • Aggredisce due minori e si scaglia contro la guardia giurata intervenuta, arrestato

  • Biga Morgantina rubata dal cimitero di Catania, i nomi degli arrestati

Torna su
CataniaToday è in caricamento