Allarme rifiuti, in sciopero i netturbini senza stipendio della Simco

Il presidente del Consorzio precisa che non si tratta di un ricatto "ma è un'impossibilità oggettiva perché non abbiamo la liquidità per poter effettuare la raccolta e per pagare stipendi e fornitori"

I netturbini della Simco, il consorzio di quattro ditte che gestisce il servizio di raccolta rifiuti nei 18 comuni dell’Ato 3 “Simeto Ambiente”, da oggi sono sul piede di guerra e si asterranno dal lavoro. Sarà emergenza rifiuti in provincia di Catania?

L’assessore regionale all’Ambiente Nicolò Marino cerca di rassicurare e si lamenta sul fatto che le richieste dei lavoratori sono arrivate solo venerdì scorso "e lo stesso venerdì è stato minacciato lo sciopero.  Tutto questo non mi sembra serio".

Il presidente del Consorzio Simco, Concetta Italia, però precisa che non si tratta di un ricatto "ma è un’impossibilità oggettiva perché non abbiamo la liquidità per poter effettuare la raccolta e per pagare stipendi e fornitori”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva preso due aerei ed un taxi per tornare in Sicilia: morta 73enne

  • Coronavirus, ordinare a domicilio: la lista delle attività a Catania

  • Fanno la spesa, ma non possono pagare: due cittadini identificati

  • "A casa con febbre e tosse, ma nessun tampone", il racconto di un giornalista di CataniaToday

  • Coronavirus, al Garibaldi già dieci guariti con la terapia "combinata"

  • I casi positivi nella provincia di Catania sono 453 ( + 48): aumentano i ricoverati

Torna su
CataniaToday è in caricamento