Amt, mezzi fermi per 8 ore e sindacati in allarme: "Servono certezze"

Con lo sciopero i 600 lavoratori della partecipata chiedono segnali per il futuro, un piano industriale e il contratto di servizio

Uno sciopero di otto ore previsto per domani, 10 maggio, da parte dei dipendenti dell'Amt e indetto da Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti e Faisa Cisal. Sul tavolo c'è il timore che il "ciclone" dissesto rischi di travolgere, in primo luogo, le partecipate del Comune di Catania che è il socio unico dell'azienda di trasporto.

Salvo Bonaventura, della Uil Trasporti, fa il punto sulle motivazioni che hanno portato allo sciopero e crede che la percentuale di adesioni sarà molto alta, con conseguenti disagi per i cittadini che vorranno prendere i mezzi dalle 10 alle 18.

"La nostra richiesta - spiega il sindacalista - è che si riprenda una contrattazione sindacale unitaria. Il nostro interlocutore è duplice: da una parte l'Amt, con presidente e cda, dall'altra è il Comune. La forte sofferenza di cassa dell'ente ha portato alla mancata firma del contratto di servizio e adesso non sappiamo che tempi ci saranno e quali saranno le prospettive di questa azienda. Come sarà gestita e dove sarà condotta l'azienda nell'immediato futuro?".

Altro aspetto che evidenziano i sindacati è la richiesta di un approfondimento sul tema della riorganizzazione aziendale e sull'esposizione debitoria dell'azienda, di diversi milioni di euro, che potrebbe portare a rappresentare la partecipata come il classico gigante dai piedi d'argilla pronto a cadere.

"I debiti dell'Amt, la situazione di dissesto, la mancanza di un contratto di servizio - conclude Bonaventura - sono tutte condizioni che lasciano incertezze profonde e mancando anche un piano industriale, non sappiamo in che direzione vuole andare l'Amt".

Il presidente della partecipata Giacomo Bellavia ribatte che "la visione dell'azienda è chiara: migliorare il trasporto pubblico in città, ma riguardo il piano industriale e le prospettive il tutto dipende dal Comune".

"Se non abbiamo un contratto di servizio - spiega il vertice Amt - non possiamo sviluppare il piano industriale. Ma questa non è colpa del Comune di Catania che si trova in una situazione difficilissima e senza liquidità. Se il Comune non chiude il bilancio stabilmente riequilibrato non si potrà procedere al contratto di servizio e lo sforzo del sindaco, prima con i deputati a Catania, e poi a Roma per chiedere misure a sostegno è stato immane. Adesso siamo in attesa".

Per adesso vige una proroga sino al 30 giugno e Bellavia, però, capisce le ragioni delle sigle sindacali: "Comprendo le ragioni della protesta perché vi è incertezza, l'azienda ha una situazione debitoria importante ereditata dalle vecchie gestioni e vanta anche crediti per 24 milioni che rientrano nella massa passiva. Stiamo intraprendendo in Amt, con il cda, una politica di rigore e contenimento dei costi e ho chiesto a tutti dei sacrifici".

Intanto Bellavia ha annunciato il trasferimento della sede di via Sant'Euplio che costa circa 200mila euro l'anno. Uno dei tagli per ridurre i costi che, solo di personale, superano i 30 milioni di euro annui.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Catania usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Coronavirus, anche oggi nessun decesso: a Catania zero nuovi contagi

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Pensioni d’invalidità con la compiacenza di medici dell’Asp: sei misure cautelari

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento