Bronte, pregiudicato ruba vestiti cinesi e brucia la mano di una 14enne

Vistosi scoperto, ha reagito causando con un accendino delle bruciature al dorso della mano destra della figlia quattordicenne della proprietaria

I carabinieri di Bronte hanno arrestato un 23enne di Adrano pregiudicato che, dopo essere entrato nel negozio “Pianeta Cinese” di via Messina, con la scusa di provare alcuni indumenti prelevati dagli espositor, si è infilato nei camerini dove ha iniziato a rimuoverne i dispositivi antitaccheggio. La caduta in terra di uno di questi marchingegni è stata avvertita dalla proprietaria che è intervenuta per chiedere spiegazioni. Il ladro, vistosi scoperto, ha reagito in malo modo aggredendo verbalmente la titolare del negozio e causando, con un accendino, delle bruciature al dorso della mano destra della figlia quattordicenne di quest’ultima, intervenuta in difesa della madre. Fuggito dal negozio è stato inseguito, bloccato ed ammanettato dai carabinieri nel frattempo intervenuti su richiesta telefonica delle vittime. La refurtiva è stata interamente recuperata e restituita all’avente diritto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Studio sul cancro: non ci si ammala per caso o per sfortuna

  • Santapaola-Ercolano, blitz dei carabinieri del Ros: i nomi degli arrestati

  • La digos arresta l'aggressore di Lo Monaco: è un ultras del Catania

  • Aggressione ai poliziotti al "Tondicello", presi gli autori

  • Blitz dei carabinieri del Ros: arresti e sequestro di beni al clan Santapaola-Ercolano

  • La spartizione dei soldi del clan Santapaola-Ercolano: "C'è u nanu ca tuppulìa"

Torna su
CataniaToday è in caricamento