L'assessore Venturi querela Pietro Agen per danni all'immagine

Venturi ritiene che Agen "abbia posto in essere condotte penali ai suoi danni" in merito alla ricostituzione del consiglio camerale della Camera di Commercio di Catania

L'assessore regionale per le Attività produttive della Sicilia, Marco Venturi, ha depositato presso la Procura di Caltanissetta una querela per diffamazione nei confronti del presidente uscente della Camera di Commercio di Catania, Pietro Agen.

Venturi ritiene che Agen ''abbia posto in essere condotte penali ai suoi danni, offendendone onore, rispettabilità ed immagine'' a proposito della vicenda che riguarda la distribuzione dei seggi per la ricostituzione del consiglio camerale della Camera di Commercio di Catania, nonchè in ordine all'ispezione disposta dal direttore generale dell'assessorato regionale alle Attività produttive.

''La procedura seguita dal sottoscritto - è scritto nell'esposto denuncia - è stata rigorosamente in linea con il disposto normativo e le argomentazioni dei decreti assessoriali rispondono a criteri di assoluta linearità e trasparenza di tal che le espressioni di Agen quali 'colpo di mano', 'cura Venturi', 'piano' non possono che essere qualificate come profondamente diffamatorie anche in considerazione del fatto che vengono rivolte a chi riveste un ruolo di governo la cui l'onorabilita' istituzionale viene seriamente offesa. Viene peraltro distorto, ed in senso negativo, il sentimento dell'opinione pubblica sul principio di azione legalitaria da sempre posto innanzi ad ogni attività imprenditoriale ed istituzionale di chi scrive''.

"Inoltre, in merito all'ispezione presso la Camera di Commercio di Catania - dice ancora Venturi - non sfuggirà all'Autorità inquirente che 'questa non è in essere per determinazioni dell'assessore ma dell'Amministrazione regionale di tal che l'attribuzione di Pietro Agen al sottoscritto delle presunte responsabilità connesse alla stessa, poichè del tutto prive di alcun fondamento logico e fattuale, si rivelano unicamente quali attacchi mediatici personali preordinati a denigrare e svilire innanzi all'opinione pubblica, l'attività istituzionale ed amministrativa del sottoscritto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Librino, in 40 aggrediscono due agenti che tentavano di fermare una moto senza targa

  • Tentato omicidio a Palagonia, coltellate e spari dopo una lite: un ferito

  • Rientra e trova armi e oltre 6 chili di hashish nel suo deposito

  • "Gli italiani scelgono Catania per il Natale 2019 e il Capodanno 2020"

  • Scopre di essere incinta poco prima di partorire: ma la bambina muore

  • Agenti aggrediti a Librino, arrestato un diciottenne

Torna su
CataniaToday è in caricamento