Morto il professore Attilio Basile, medico luminare catanese

E' morto, a 102 anni, a Catania il professor Attilio Basile, ex vice presidente dell'associazione mondiale dei chirurghi. Ha compiuto interventi addominali e toracici fino all'età di 90 anni

La Facoltà di Medicina e Chirurgia è in lutto per la perdita del luminare della chirurgia italiana. E' morto, a 102 anni, il prof. Attilio Basile, ex vice presidente dell' associazione mondiale dei chirurghi. Un secolo di chirurgia e di vita, di allievi e di figli, di scienza e di coscienza.  Centodue anni di vita, oltre settanta di chirurgo, cinquanta di docente.

Sguardo fiero e figura ieratica, empatico con l'uomo (uomo prima che paziente), il prof. Attilio Basile era diventato un mito umano, presente nel tempo, consistente, reale. Nato il 15 gennaio 1910 a Itala, si era laureato a Messina il 16 luglio 1934 con il massimo dei voti. Aveva iniziato la sua carriera come aiuto volontario e quindi assistente straordinario retribuito nello stesso Istituto di Patologia generale, fino a conseguire la libera docenza in Patologia generale nel 1941.

Dopo un periodo di perfezionamento alla Fondazione Von Humboldt e alla II Clinica chirurgica dell'Università di Vienna, nel 1951 ebbe l'incarico dell'insegnamento di Patologia chirurgica e Propedeutica clinica e la direzione dell'Istituto presso la stessa Università. Nel 1956 fu chiamato a dirigere la Clinica chirurgica generale dell'Università di Catania, dove rimase fino al 31 ottobre 1980, quando passò fuori ruolo.

Eletto preside della Facoltà medica di Catania nel 1975 e rieletto per il triennio successivo, Basile fu anche presidente della Società italiana di Chirurgia nel triennio 1976-1979, e nello stesso 1979 fu nominato dalle Facoltà mediche italiane loro rappresentante nel Consiglio universitario nazionale per un triennio, dove fu presidente e referente del Comitato di medicina, entrando a far parte della Commissione che elaborò la riforma della Facoltà medica.

A conclusione della sua carriera, la nomina a Professore emerito di Clinica chirurgica e Terapia chirurgica generale nell'Università di Catania. Due dei suoi quattro figli ne hanno seguito le orme: Francesco, oggi preside della Facoltà, e Guido, professore ordinario di Chirurgia. Intere generazioni di chirurghi, primari, cattedratici si sono formate alla sua Scuola.

Tra i suoi allievi più vicini il prof. Gaetano Catania, attualmente presidente del Corso di laurea in Medicina e Chirurgia: "Il nostro primo vero incontro avvenne il 7 gennaio 1976, quando acconsentì al mio desiderio di frequentare l'Istituto di Clinica chirurgica, dandomi l'incarico di coadiuvarlo nella preparazione delle lezioni. Una decisione che forse vedeva lontano: sono convinto che il mio impegno come docente universitario e poi come presidente di Corso di laurea viene proprio dalla passione che lui ha saputo instillarmi".

"Il chirurgo deve coltivare due grandi passioni, che sono le fondamenta per la sua formazione ed educazione - ripeteva il prof. Attilio Basile - il desiderio di conoscere e la capacità di amare l'uomo."

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cannizzaro, ricoverate in terapia intensiva le due ragazze catanesi ferite in Kenya

  • Cronaca

    Nasconde armi e droga in casa: arrestato figlio di un esponente dei Santapaola

  • Cronaca

    Oda, Ugl: "Ricevuto un milione di euro dall'Asp, ma mancano due stipendi"

  • Cronaca

    Viale Castagnola, si alternano per vendere la droga: 4 arrestati

I più letti della settimana

  • Tragedia a Paternò, sterminata famiglia con due bambini piccoli: ipotesi omicidio-suicidio

  • Tragedia a Paternò, uccide la moglie e i due figli: poi si suicida

  • Incidente mortale a Piano Tavola, perde la vita un 27enne di Paternò

  • Forte esplosione a Librino, in una palazzina di viale Nitta: intervento dei vigili del fuoco

  • Laura e Mary vittime di un incidente in Kenya, al via una raccolta fondi

  • Famiglia sterminata a Paternò, la Procura di Catania ha aperto un'inchiesta

Torna su
CataniaToday è in caricamento