Azienda policlinico di Catania: dichiarato lo stato di agitazione

La decisione dei sindacati assunta al termine dell'assemblea che si è svolta il 24 gennaio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Il 24 gennaio 2012 si è tenuta, presso l'Azienda Policlinico Universitario di Catania, un'affollata assemblea indetta dalla FLC CGIL, dalla CISL Università, dalla UIL RUA e dalle RSU dell'Università.

L'assemblea, che ha interessato tutto il personale universitario in servizio presso la struttura sanitaria del Policlinico catanese, ha avuto come argomento l'art. 14 n. 6 del Protocollo d'intesa tra la Regione Siciliana e l'Università degli Studi di Catania, riguardante il “graduale assorbimento del personale socio-sanitario, tecnico e amministrativo appartenente ai ruoli dell'università”.

Dopo ampia e articolata discussione e interventi da parte dei lavoratori e dei rappresentanti provinciali e regionali delle organizzazioni sindacali presenti, l'assemblea ha dichiarato, all'unanimità, lo stato di agitazione permanente, con le iniziative di protesta e mobilitazione che saranno ritenute opportune nei vari momenti.

Con tale accordo, unilaterale e non concertato, si nega ogni corretta relazione sindacale e si mina la dignità dei lavoratori universitari del Policlinico, assunti con concorso pubblico, e che sono sempre stati importante supporto alla ricerca e alla didattica universitaria.

È, infatti, gravissimo che l'amministrazione, con atto di arbitrio, voglia decidere, senza incontrare le parti sociali ad un apposito tavolo di discussione e senza ascoltare minimamente il parere dei lavoratori interessati, il passaggio del personale universitario al sistema sanitario regionale, gravando, finanziariamente, su un bilancio regionale in forte deficit e danneggiando irrimediabilmente la funzione istituzionale dell'università all'interno delle strutture sanitarie.

Le scriventi Organizzazioni Sindacali, unitariamente, a livello nazionale, regionale e provinciale, avevano già avviato azioni di rivendicazione con l'assemblea del 14 dicembre 2011, con richieste di incontro, note e diffide inviate ai Ministeri di riferimento, alla Sezione Regionale della Corte dei Conti, nonché al Rettore e al Direttore generale del Policlinico.

Si ritiene oltremodo grave l'assenza di ogni forma di risposta alle richieste formulate da parte delle Organizzazioni Sindacali.

E ancora di più risulta incomprensibile, oltre che non ottemperante della normativa vigente, la convocazione delle sole RSU universitarie per la discussione delle problematiche in questione.

Pertanto il 26 c.m. alle 17.00, in occasione della prevista riunione delle RSU, una delegazione di lavoratori universitari operante alla AOUP, sarà presente, davanti al Rettorato, per manifestare il proprio dissenso e a sostegno della delegazione RSU convocata.

Le scriventi Organizzazioni Sindacali saranno presenti con proprie delegazioni e si riservano ulteriori immediate azioni di mobilitazione dei lavoratori.
 

Torna su
CataniaToday è in caricamento