Rinviati a giudizio 13 ex componenti della Banca Popolare dell'Etna

Per 13 persone indagate, la procura etnea ha ottenuto il rinvio a giudizio per le ipotesi di aggiotaggio e ostacolo all’esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza

Il giudice per le indagini preliminari di Catania ha disposto il rinvio a giudizio degli ex componenti gli organi aziendali della “Banca Popolare dell’Etna” con sede a Bronte, prima in amministrazione straordinaria e poi cessata a seguito della fusione per incorporazione con “Igea Finanziaria spa”. Per 13 persone indagate, la procura etnea ha ottenuto il rinvio a giudizio per le ipotesi di aggiotaggio e ostacolo all’esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza. Ad essere rinviati a giudizio sono: Filippo Azzia, Emilio Monfrini, Carmelo Schilirò, Pietro Portale, Giuseppe Martinelli, Antonio Cipolla, Michele Biondi, Nunzio Faranda e Russello Saccullo nella qualità di ex componenti del Consiglio di amministrazione. Indagati anche l’ex Direttore Generale Alfio Benvegna e gli ex componenti del collegio sindacale Alberto Sebastiano Caserta, Giuseppe Alfredo Nigro, Angelo Gabriele Ciraldo.

L’ex banca brontese è stata oggetto di accertamenti ispettivi disposti dalla Banca d’Italia a seguito dei quali è stata evidenziata la compromissione degli equilibri tecnici aziendali e le gravi carenze nella governance. Le criticità hanno portato la Banca Popolare dell’Etna, nell’aprile del 2014, ad essere sottoposta a procedura di amministrazione straordinaria, conclusasi il 30 novembre 2015 a seguito della fusione per incorporazione con l’intermediario finanziario romano “Igea Finanziaria spa”, che ha dato origine al nuovo istituto di credito “Igea Banca SpA”, con sede legale a Roma, con sportelli nella Capitale e in Sicilia (Palermo, Catania e Bronte). Le indagini effettuate dai finanzieri di Catania, hanno consentito di contestare una serie di gravi irregolarità nell’amministrazione e di gravi violazioni normative.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendio nell'ospedale di Acireale, intervento dei vigili del fuoco

  • Cronaca

    "Se non mi dai 30 euro ti rompo tutto", così minacciava la madre per comprare la droga

  • Cronaca

    Con un trapianto salva la vita alla sorellina: "Un gesto d'amore che le terrà legate per sempre"

  • Cronaca

    Insulti su Facebook, imputazione coatta per Giarrusso

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia, tra gli arrestati anche il cantante neomelodico Andrea Zeta

  • Dalla musica neomelodica di Zeta agli affari del clan Santapaola: l'ascesa della famiglia Zuccaro

  • La sicurezza alla Ecs Dogana: Andrea Zeta “il saggio” e il “crollo” del fratello Rosario

  • Clan Santapaola-Ercolano, 14 arresti: imponevano anche la sicurezza nei locali

  • Paura in una scuola di Gravina ma era un inseguimento dei carabinieri

  • Diverbio tra automobilisti, minacce e danneggiamento: padre e figlio indagati

Torna su
CataniaToday è in caricamento