Gli speleologi del Club Alpino Italiano ripuliscono la facciata di San Nicolò

La chiesa monumentale si trova a fare periodicamente i conti con la crescita di piante spontanee, che mettono dimora tra una intercapedine e l'altra

Domenica mattina, dalle 8 alle 14, gli speleologi del gruppo grotte del Club Alpino Italiano di Catania si sono trasformati in "giardinieri verticali" per ripulire dalle erbacce la facciata di San Nicolò La Rena, in piazza Dante. La chiesa monumentale si trova a fare periodicamente i conti con la crescita di piante spontanee, che mettono dimora tra una intercapedine e l'altra.

SCOPRI DI PIU': LA STORIA DELLA CHIESA

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"C'è il rischio che le piante possano danneggiare con le loro radici i blocchi monumentali - spiega il neo presidente del Cai Umberto Marino- e purtoppo il comune di Catania non dispone al momento di risorse economiche necessarie per effettuare gli interventi di scerbamento. Per questo abbiamo pensato di farcene carico. Al momento sono state rimosse le piante cresciute nel corso degli anni sulla facciata. Torneremo in autunno per una nuova pulizia e cercheremo di trovare un modo per far si che non crescano così rapidamente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Coronavirus, anche oggi nessun decesso: a Catania zero nuovi contagi

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Pensioni d’invalidità con la compiacenza di medici dell’Asp: sei misure cautelari

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento