Brillamento ordigno bellico in contrada Costa San Vito, chiusa area a Belpasso

Il sindaco, Carlo Caputo, ha disposto per domani, sabato 21 gennaio, lo sgombero e la chiusura di un’area in contrada Costa S. Vito, nella cava Moschetto, in territorio di Belpasso

foto archivio

Per consentire le operazioni di brillamento dell'ordigno bellico, il sindaco, Carlo Caputo, ha disposto per domani, sabato 21 gennaio, lo sgombero e la chiusura di un’area in contrada Costa S. Vito, nella cava Moschetto, in territorio di Belpasso. Il luogo in questione sarà quindi interdetto, con divieto assoluto di accesso o stazionamento di mezzi e persone, per un raggio di 500 metri e un'altezza dal suolo di 1.200 m., a partire dalle ore 7,30 e fino alle ore 15,00 e comunque sino al termine delle operazioni di brillamento dell’ordigno. Sarà inoltre vietato a chiunque accedere nelle campagne e varcare gli ingressi di proprietà private ricadenti nell’area interessata.

Nel dettaglio, è prevista l'interdizione totale di tutta la rete stradale ricadente all'interno dell'area compresa nel raggio minimo di 500 metri dal luogo di brillamento dell'ordigno, che sarà opportunamente presidiata dalle Forze dell’Ordine. 
Ecco l’elenco delle strade interessate: 

1) Inizio SP 57;
2) S.P. n. 57 nei pressi ingresso Masseria S. Vito;
3) Incrocio S.P. 4/II (Belpasso-S. M. di Licodia) - Strada Comunale Paterno' Ragalna;
4) Incrocio S.P. 4/II - S.P. 57;
5) Incrocio S.P. 4/II prossimità curva a ferro di cavallo;
6) Incrocio Via S.M. Di Licodia – Via Che Guevara;
7) Via Cairoli in prossimità Masseria S. Vito.

Il residuato bellico, una bomba d’aereo di nazionalità americana del peso di 500 libbre, è stata rinvenuta in località Contrada Buffa Raisa, in territorio di Paternò, ma per ragioni tecniche il brillamento non può essere effettuato nel luogo stesso del ritrovamento e l’ordigno verrà quindi trasportato in contrada Costa S. Vito, secondo quanto determinato nel corso di una riunione tecnica che si è svolta in Prefettura il 12 gennaio. 

Il sindaco Caputo ha attivato inoltre il Com - Centro Operativo Misto - di Protezione Civile sito in via Magrì, che fungerà da Centro di coordinamento e ospiterà i rappresentanti di ciascuno dei vari organismi istituzionali competenti in materia e chiamati a partecipare alle operazioni. Il coordinamento, per quanto di competenza del Comune di Belpasso, è affidato al Responsabile del Settore di Protezione Civile Comunale arch. Santo Caruso, che provvederà ad intraprendere ogni opportuna iniziativa. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Porte di Catania, incidente tra due macchine: grave un bambino

  • Politica

    Presidio di CasaPound negli ospedali, Anpi: "Illegali"

  • Cronaca

    StMicroelectronics, lo sfogo di una ex-dipendente: "Senza raccomandazione in Sicilia non si va avanti"

  • Cronaca

    Sparatoria a San Cristoforo, grave il titolare di un'officina

I più letti della settimana

  • Porte di Catania, incidente tra due macchine: grave un bambino

  • Appare una donna misteriosa in un quadro, scoperta a Catania

  • Sparatoria a San Cristoforo, grave il titolare di un'officina

  • Agguato a Misterbianco, colpi di pistola davanti ad una onlus di ambulanze: ferito autista

  • Blitz dei carabinieri, 19 arresti per il clan Laudani: gli ordini del boss dal carcere

  • Cadavere ritrovato in via Sant'Euplio: sul posto la polizia scientifica

Torna su
CataniaToday è in caricamento