Bronte-Adrano, pubblicata gara d'appalto da 66 milioni

L'assessore regionale Falcone: "Conquista attesa da decenni dal territorio etneo"

"Così come concordato nei giorni scorsi con l'ad di Anas Massimo Simonini, il decreto della gara d'appalto per l'ammodernamento della Statale 284 fra Bronte e Adrano è realtà. Una conquista per il territorio etneo che ormai da decenni aspetta l'adeguamento di una rete stradale sottoposta costantemente a elevati flussi di traffico". Questo il commento dell'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, dando notizia della pubblicazione del bando da parte di Anas per affidare i lavori che cambieranno il volto della Ss284.

L'investimento previsto per l'ammodernamento e l'allargamento della strada era salito nei mesi scorsi a 66 milioni di euro grazie a 12 milioni messi a disposizione dal Governo Musumeci per integrare il finanziamento statale.

"Raccogliendo una ormai improcrastinabile aspettativa del territorio - prosegue l'assessore - abbiamo seguito passo dopo passo l'iter prima di progettazione, poi di approvazione e oggi di appaltabilità dell'opera. Il Governo Musumeci è infatti ben cosciente del valore strategico dell'intera Statale 284, un'arteria vitale che per questo necessita di essere interamente ammodernata".

"Il 30 settembre - conclude Falcone - sarà la data ultima per la presentazione delle offerte e confidiamo che entro gennaio 2020 si possa avere l'individuazione dell'impresa aggiudicatrice, così da iniziare i lavori già in primavera".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Santapaola-Ercolano, blitz dei carabinieri del Ros: i nomi degli arrestati

  • La spartizione dei soldi del clan Santapaola-Ercolano: "C'è u nanu ca tuppulìa"

  • Aggressione ai poliziotti al "Tondicello", presi gli autori

  • Blitz dei carabinieri del Ros: arresti e sequestro di beni al clan Santapaola-Ercolano

  • Cannizzaro, paziente ringrazia chirurghi e infermieri regalando 10 televisori al reparto

  • Poste Italiane cercano portalettere anche a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento