Dopo i domiciliari, Calanna indossa nuovamente la fascia di sindaco di Bronte

Graziano Calanna è tornato in libertà dopo che la Cassazione ha annullato senza rinvio il provvedimento con cui era stato posto ai domiciliari per istigazione alla corruzione

E' tornato ad indossare la fascia tricolore a Bronte, il sindaco Graziano Calanna, tornato in libertà dopo che la Cassazione ha annullato senza rinvio il provvedimento con cui era stato posto ai domiciliari per istigazione alla corruzione nell'affidamento della gestione della manutenzione e sfruttamento dell'energia elettrica prodotta dall'acquedotto comunale. A riceverlo all'ingresso del Comune il picchetto d'onore del Corpo della polizia municipale.

Il vice sindaco Gaetano Messina in consiglio comunale gli ha restituito la fascia tricolore alla presenza, tra gli altri, della giunta, del presidente del Consiglio comunale Nino Galati e di diversi consiglieri comunali.

"Sono particolarmente emozionato e sinceramente commosso -ha detto Calanna- per l'affetto che mi state dimostrando e credo che sia normale dopo aver accumulato tensione per quasi quattro mesi. Nella vita a volte capitano delle cose che non ti saresti mai aspettato. Chi fa l'amministratore pubblico sa che, mettendo centinaia di firme, rischia di sbagliare qualcosa, ma mai avrei immaginato di essere arrestato. Ritenevo, infatti, che chi non ha rapporti con la mafia e chi non ruba non potesse mai essere arrestato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non ho mai smesso di avere fiducia nella Giustizia e grazie alla mia famiglia, ai miei avvocati ed a tutti voi che, pur lontani, mi avete sempre sostenuto -ha aggiunto- sono riuscito a resistere. Non mi sono dimesso perché non c'era motivo e perché sapevo che non avrei fatto il bene della Città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reati fiscali, coinvolti nomi della cordata interessata al Calcio Catania: gli arrestati

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 10 luglio 2020

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, auto contro tir: morta una donna, grave il figlio

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

Torna su
CataniaToday è in caricamento