Bronte: sequestrati tre immobili ad un consigliere comunale

Tre edifici abusivi sono stati sequestrati a Bronte. Gli immobili sono di un consigliere comunale del gruppo di maggioranza e componente della commissione consiliare urbanistica del Comune

Vista di Bronte

Tre edifici abusivi sono stati sequestrati a Bronte dalla Forestale, in esecuzione di un provvedimento del gip di Catania Oscar Biondi che ha accolto le richieste dei pubblici ministeri Enzo Serpotta e Laura Garufi.

Gli immobili costruiti in violazione delle norme urbanistiche e senza il nulla osta della Soprintendenza sono di un consigliere comunale del gruppo di maggioranza e componente della commissione consiliare urbanistica del Comune. Gli edifici si trovano all’ingresso del paese e sono destinati in parte ad abitazione del consigliere e in parte a sede di una concessionaria di auto gestita dal padre dell'indagato.

Gli inquirenti stanno cercando di verificare le responsabilità degli organi comunali addetti al controllo edilizio: sono stati indagati per omissione di denunzia e per concorso nei reati edilizi il comandante della Polizia Municipale dell’epoca, e il responsabile dell’Ufficio Tecnico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini sono state avviate dopo un esposto anonimo in cui si accusava il consigliere di avere approfittato della sua posizione all’interno del Comune per costruire in violazione delle norme.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Coronavirus, in Sicilia situazione stabile: scoperto un nuovo caso

Torna su
CataniaToday è in caricamento