Cara di Mineo: arrestato interprete tunisino per pizzo

Chiedeva il "pizzo" ai rifugiati stranieri della cara di Mineo al fine di manipolare e rendere più convincete la pratica per ottenere lo status di rifugiato politico in Italia

Altro scandalo all'interno del Centro C.A.R.A. Di Mineo. Un tunisino avrebbe chiesto 500 euro a un cittadino libico alloggiato nel Cara di Mineo, nel catanese, per manipolare le sue dichiarazioni in modo da rendere veritiera e favorire cosi’ la pratica per ottenere lo status di rifugiato politico in Italia.

Con questa accusa, un interprete tunisino in servizio nel centro è stato arrestato dalla polizia per concussione, al termine di un’indagine che gia’ nel mese di dicembre aveva portato all’arresto di un altro interprete.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arresti a raffica della squadra mobile etnea

  • Dimentica il figlio in auto alla Cittadella, muore bimbo di 2 anni

  • 8 cibi che non dovrebbero essere dati ai bambini

  • Traffico di droga, nel mirino i clan Cappello-Bonaccorsi e Cursoti Milanesi: 40 arresti

  • Incidente stradale, auto si ribalta in tangenziale: conducente bloccato all'interno

  • Traffico di droga pilotato dai clan, 40 arresti: i nomi

Torna su
CataniaToday è in caricamento