Chiedono il "cavallo di ritorno", ma i falchi li arrestano a Picanello

Stavano per riconsegnare un'auto al legittimo proprietario, che aveva pagato il "cavallo di ritorno"

La Polizia di Stato ha arrestato i pregiudicati Filippo Castorina e Jhonny Strano per estorsione aggravata tramite il metodo del “cavallo di ritorno” e di ricettazione. Nella tarda mattinata dello scorso 17 luglio, i due sono stati rintracciati a Picanello dai "Falchi" della polizia, che li hanno visti parcheggiare un'auto in via Borgetti, per poi allontanarsi in fretta ed in modo sospetto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'auto è risultata rubata e si è accertato che i due dovevano procedere alla riconsegna al legittimo proprietario, al quale era stata avanzata una richiesta di denaro per ottenerne la restituzione. Messi di fronte all’evidenza dei fatti, i due responsabili hanno ammesso le proprie responsabilità, consentendo agli agenti di recuperare il veicolo e parte della somma pagata dalla vittima per riavere il mezzo. Si trovano ora a Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento