Chiusura asili nido a Catania e a Misterbianco, il grido di dolore di mamme e operatrici

Si schiera contro la serrata il consigliere Marco Corsaro che chiede chiarezza alle amministrazioni delle due città

"Gli asili nido a Catania e Misterbianco chiuderanno il 1° agosto ma nessuno sa o può dire quando riapriranno. Raccogliamo con preoccupazione il grido di dolore non solo delle operatrici, ma anche delle famiglie delle due città che, ormai da tempo, non riescono a trovare servizi stabili e costanti per i propri piccoli. Lanciamo un appello al Comune di Catania, ente capofila del Distretto socio-sanitario 16, affinché si faccia chiarezza. Quando verrà espletata la nuova gara d'appalto? Quando potranno riaprire gli asili nido e gli spazi gioco senza il rischio che chiudano dopo pochi giorni, oppure che le maestre non vengano pagate?".

Interviene così Marco Corsaro, consigliere comunale a Misterbianco e capogruppo di "Guardiamo Avanti", dopo aver appreso della comunicazione pervenuta dal Comune di Catania alle operatrici delle strutture educative delle due città, di competenza del distretto. "Comprendiamo le difficoltà dovute al dissesto, ma non è possibile lasciare le famiglie e i lavoratori senza certezze. I servizi sociali dell'ente capofila - spiega Corsaro - hanno fatto sapere che, ad agosto, gli asili dovranno restare chiusi a causa della carenza di fondi. Si dovrebbe tornare a lavoro a settembre, ma stra trionfando l'incertezza perché le risorse basterebbero per pochi giorni. Il rischio - prosegue il consigliere - è che i bambini torneranno in un asilo che, subito dopo, chiuderà. Non è chiaro infatti  se le amministrazioni di Catania e Misterbianco stiano lavorando alla gara d'appalto per riaffidare il servizio e avere i fondi ministeriali. Neppure è chiaro se l'eventuale procedura riesca a concludersi entro settembre, scongiurando il blocco totale degli asili nido catanesi".

"Siamo davanti a una situazione - conclude Corsaro - che potrebbe causare disagio emotivo ai piccoli e difficoltà per i genitori, senza dimenticare le educatrici che ancora aspettano quattro mesi di stipendio. Chiediamo al Comune di Catania di fornire risposte certe e chiare prima che arrivi agosto".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arresti a raffica della squadra mobile etnea

  • Dimentica il figlio in auto alla Cittadella, muore bimbo di 2 anni

  • 8 cibi che non dovrebbero essere dati ai bambini

  • Traffico di droga, nel mirino i clan Cappello-Bonaccorsi e Cursoti Milanesi: 40 arresti

  • Incidente stradale, auto si ribalta in tangenziale: conducente bloccato all'interno

  • Traffico di droga pilotato dai clan, 40 arresti: i nomi

Torna su
CataniaToday è in caricamento