Esponente del clan "Assinnata" va in carcere per estorsione

Il tribunale etneo lo ha infatti condannato a 4 anni e 8 mesi di reclusione

Il 26enne paternese Domenico Assinnata, esponente di spicco dell’omonimo clan ritenuto vicino alla famiglia mafiosa dei Santapaola, è finito al carcere di Bicocca per mano dei carabinieri. Il tribunale etneo lo ha infatti condannato a 4 anni e 8 mesi di reclusione, dopo una sentenza emessa dalla corte d'appello di Catania già definitiva in Cassazione, poiché colpevole di "estorsione continuata con l’aggravante del metodo mafioso", commessa nel suo paese di residenza fino al 2011.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione a Librino, ladri piazzano bomba davanti a un tabacchi: un morto

  • Vertice a Catania sul Coronavirus: chi ha sintomi non vada in ospedale

  • Operazione Thor, 23 omicidi di mafia commessi in 20 anni: 23 arresti

  • Giuseppe Torre, torturato e bruciato vivo: dopo 28 anni fatta luce sulla morte di un innocente

  • Mafia, omicidi e lupara bianca: i nomi degli arrestati

  • Musumeci convoca nuovo vertice sul Coronavirus: in arrivo misure precauzionali

Torna su
CataniaToday è in caricamento