Controlli nei locali della movida, alcolici a minori e suolo pubblico occupato

Il titolare di un pub di via Teatro Massimo è stato sorpreso a somministrare bevande superalcooliche a minori degli anni 18 e ad occupare 88 mq. di suolo pubblico

Nell’ambito dell’attività di controllo del territorio svolto dalla polizia, personale della divisione di polizia amministrativa e sociale, come disposto dal Questore Mario Della Cioppa, ha effettuato, nei scorsi giorni, un controllo presso diversi pub e ristoranti della zona della movida catanese. Dopo alcune segnalazioni da parte di cittadini, sono stati condotti accertamenti volti a verificare il rispetto delle norme che disciplinano la somministrazione di alimenti e bevande alcooliche e superalcooliche, con particolare riguardo ai minori di anni 18 ai quali, spesso, vengono offerte bevande superalcoliche a prezzi allettanti (in alcuni casi, addirittura, sono stati esposti cartelli con vere e proprie “offerte speciali” che pubblicizzavano la vendita di 20 o 30 “shottini” a prezzi irrisori).

Una pratica tassativamente vietata dalla legge tanto che il codice penale punisce con l’arresto fino a un anno l’esercente un’attività commerciale che somministra, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, bevande alcooliche a un minore degli anni sedici, mentre per la fascia non ricompresa nella norma sopra esposta (cioè tra i sedici e i diciotto anni) la legge italiana ha previsto una sanzione amministrativa, consistente nel pagamento di una pena pecuniaria da 250 a 1000 euro.

Il titolare di un pub di via Teatro Massimo è stato sorpreso a somministrare bevande superalcooliche a minori degli anni 18 e ad occupare 88 mq. di suolo pubblico, privo della prevista concessione, antistanti l’esercizio, dov’erano collocati tavoli e sedie a disposizione degli avventori.

L’area in questione era coperta da tendostruttura, pertanto veniva contravvenzionato. Altri due esercizi pubblici di ristorazione della medesima zona sono stati sanzionati ai sensi del Codice della Strada per l’abusiva occupazione della sede stradale con tavoli e sedie.

I controlli proseguiranno sistematicamente, anche al fine dell’applicazione dell’art. 100 del TULPS che prevede la chiusura di quegli esercizi pubblici che, con la condotta illecita dei titolari, possano costituire pericolo o, comunque, elemento di criticità per l’ordine, la sicurezza pubblica e la moralità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: le raccomandazioni del Ministero della Salute

  • Incidente stradale al viale Mediterraneo, perde il controllo della moto e si schianta: un morto

  • Truffe alle assicurazioni, 36 indagati: coinvolti due avvocati

  • Blitz dei carabinieri, sgominata banda di spacciatori: 24 arresti

  • Incidente stradale sulla Catania-Gela, auto sbanda e cappotta: morta una 41enne

  • Traffico di cocaina e hashish nel Catanese: i nomi degli arrestati

Torna su
CataniaToday è in caricamento