Coronavirus, il vigilantes: "Viviamo sotto stress e non è facile gestire i clienti"

Il racconto di un lavoratore che "gestisce" gli ingressi all'interno di un supermercato della grande distribuzione

Al tempo del coronavirus anche un'operazione prima semplice come fare la spesa è diventata complessa. A garantire sicurezza e ordine vi sono i vigilantes che prima si occupavano di assistere il cliente e "prevenire" i furti mentre adesso sono divenuti dei veri e propri "vigili urbani" agli ingressi per controllare il rispetto delle disposizioni di sicurezza.

Una categoria di lavoratori "in prima linea" per un servizio essenziale così come i cassieri e i dipendenti degli esercizi pubblici rimasti aperti. Come ci racconta Giovanni, dipendente di un'azienda che si occupa di vigilanza e che presta servizio in una catena della grande distribuzione, non è sempre semplice gestire questa fase emergenziale.

"Abbiamo cambiato il nostro modo di lavorare - spiega il vigilantes - e regoliamo i flussi in entrata dei clienti. E' spesso difficile perché abbiamo a che fare con attese spesso lunghe e con lo stato d'animo dei clienti: c'è chi ha paura, chi crea allarmismo, chi è nervoso e scarica su di noi le ansie di questo periodo lamentandosi per i tempi di ingresso. Siamo spesso insultati e presi come un bersaglio ma nonostante tutto cerchiamo di essere sempre sereni e di non perdere la calma".

"Tutte le misure prese, come il metro di distanza e l'ingresso a scaglioni, le facciamo applicare perché sono disposizioni a garanzia della salute ma non tutti lo capiscono", aggiunge il lavoratore che deve fare i conti con la penuria di presidi di sicurezza.

"Non potevamo aspettare che le aziende ci fornissero guanti e mascherine - spiega - e abbiamo fatto da noi a nostre spese. C'è anche tanto timore quando torniamo a casa nonostante tutte le precauzioni adottate perché c'è sempre lo spettro di un possibile contagio ma, spesso, ci basta una parola gentile di un cliente o un ringraziamento per lavorare più serenamente sperando che l'emergenza passi presto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Coronavirus, anche oggi nessun decesso: a Catania zero nuovi contagi

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Amazon annuncia l’apertura di un nuovo deposito di smistamento a Catania

  • Pensioni d’invalidità con la compiacenza di medici dell’Asp: sei misure cautelari

Torna su
CataniaToday è in caricamento