Corruzione, l'ex deputato Marco Forzese non risponde al Gip

Hanno fatto scena muta dinanzi al gip di Catania Giuliana Sammartino l'ex deputato dei centristi Marco Lucio Forzese e anche il direttore dell'Ispettorato territoriale del lavoro di Catania Domenico Tito Amich

Hanno fatto scena muta dinanzi al gip di Catania Giuliana Sammartino l'ex deputato dei centristi Marco Lucio Forzese e anche il direttore dell'Ispettorato territoriale del lavoro di Catania Domenico Tito Amich, entrambi finiti agli arresti domiciliari giovedì scorso per corruzione nell'ambito dell'operazione 'Black job'.

I due, assistiti dagli avvocati Mario Brancato e Salvo Trombetta, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, rimandando al Tribunale della libertà la scelta di difendere la loro posizione nel complesso meccanismo di corruzione scoperto dai militari del nucleo di polizia economico e finanziaria della Guardia di finanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: le raccomandazioni del Ministero della Salute

  • Incidente stradale al viale Mediterraneo, perde il controllo della moto e si schianta: un morto

  • Truffe alle assicurazioni, 36 indagati: coinvolti due avvocati

  • Blitz dei carabinieri, sgominata banda di spacciatori: 24 arresti

  • Incidente stradale sulla Catania-Gela, auto sbanda e cappotta: morta una 41enne

  • Traffico di cocaina e hashish nel Catanese: i nomi degli arrestati

Torna su
CataniaToday è in caricamento