Corsia riservata ai bus al viale Vittorio Veneto, monta la rabbia dei commercianti

Mentre sono appena iniziati i lavori per realizzare una corsia centrale per i mezzi Amt gli esercenti protestano per la mancata concertazione e temono un calo del fatturato

La notizia dell'avvio dei lavori per realizzare una corsia riservata ai bus nel centro della carreggiata di viale Vittorio Veneto il Comune l'aveva diramata un paio di giorni fa e, da questa mattina, gli operai sono al lavoro per installare i cordoli gialli e sono state già tracciate le strisce blu ai bordi della strada, nell'area un tempo riservata ai mezzi Amt.

Un risveglio che, però, non è piaciuto affatto ai tanti commercianti di viale Vittorio Veneto che lamentano - prima di tutto - una mancanta concertazione con l'amministrazione e temono, specie con la riapertura delle scuole, un calo di fatturato notevole.

Incidente al viale Vittorio Veneto, la prima vittima dei nuovi cordoli è un motociclista

I lavori, secondo il Comune, dureranno all'incirca sino a ferragosto per installare oltre un chilometro di corsia protetta nella parte centrale di viale Vittorio Veneto, da corso Italia a via Bernini.

Nella nota dell'ente si legge che "il provvedimento è frutto di un ampio confronto preventivo con i commercianti della zona e i vertici dell’Amt, realizzato dagli assessori alla mobilità Pippo Arcidiacono e alla polizia Locale Alessandro Porto, che hanno avuto un’espressa delega dal sindaco Salvo Pogliese".

Ma proprio questa mattina gli esercenti stanno raccogliendo le firme per protestare contro il provvedimento.

"Si poteva discutere il provvedimento - spiegano i commercianti - e non si può prendere una decisione del genere senza avvisarci. Non sapevamo nulla e non ci ha avvisati nessuno. Qui al viale Vittorio Veneto ci sono miriadi di attività e abbiamo più dipendenti di un centro commerciale".

L'obiettivo dichiarato dall'amministrazione è quello di andare nella direzione di una mobilità "sostenibile" contrastando - come recita il comunicato stampa del sindaco - "più efficacemente la sosta selvaggia in doppia fila su viale Vittorio Veneto, che col naturale restringimento della carreggiata non potrà più essere tollerata”.

Per i commercianti, invece, il provvedimento è negativo. Come recita il documento sottoscritto da diversi esercenti: "Per il Comune meglio due minuti prima per i bus che le attività commerciali. Il Comune mette in ginocchio gli esercenti con l'avvio dei lavori per favorire il passaggio di sole due linee Amt e una, la 628, è stata cercata anche dalla trasmissione Chi l'ha visto".

Secondo Salvo Politino di Unimpresa - Assoesercenti "non c'è stata alcuna concertazione e sono state già tracciate le strisce blu senza prevedere gli stalli per il carico e scarico merci".

Presente sul posto l'assessore alle Attività Produttive Ludovico Balsamo che ha ascoltato i commercianti ed evidenziato che i lavori erano già programmati da sei mesi e che lui stesso aveva chiamato i rappresentanti delle associazioni di categoria per avvisarli. L'esponente della giunta ha comunque già preso in mano la problematica, assicurando interventi tempestivi per gli stalli di carico e scarico per venire incontro alle prime esigenze segnalate dagli esercenti.

L'intervento in viale Vittorio Venero era già previsto dal piano generale del traffico urbano del 2012. Intanto la raccolta firme dei commercianti va avanti così come i lavori.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Catania usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arresti a raffica della squadra mobile etnea

  • Dimentica il figlio in auto alla Cittadella, muore bimbo di 2 anni

  • 8 cibi che non dovrebbero essere dati ai bambini

  • Traffico di droga, nel mirino i clan Cappello-Bonaccorsi e Cursoti Milanesi: 40 arresti

  • Incidente stradale, auto si ribalta in tangenziale: conducente bloccato all'interno

  • Traffico di droga pilotato dai clan, 40 arresti: i nomi

Torna su
CataniaToday è in caricamento