Costringe la moglie ad abusare del figlio ed avere rapporti con estranei: arrestato

A chiedere aiuto ai carabinieri è stata proprio la donna che ha raccontato quanto patito negli ultimi due anni di matrimonio. Il trentaseienne è stato rinchiuso nel carcere di Catania

Foto Ansa

Un uomo di 36 anni è stato arrestato dai carabinieri di Catania su disposizione della Procura per maltrattamenti e abusi in famiglia, lesioni personali aggravate, violenza sessuale. Secondo le indagini l'uomo avrebbe ripetutamente malmenato e minacciato la moglie 40enne alla presenza dei tre figli minorenni, l'avrebbe costretta a compiere in sua presenza atti sessuali, nella fattispece rapporti orali e palpeggiamenti nelle parti intime, con estranei.

Depravazione che l’ha spinto addirittura verso l’inimmaginabile, quando ha costretto la donna, a suon di schiaffi, pugni e calci, a toccare nelle parti intime il loro bambino che in quel frangente avrebbe detto "Papà è scemo…È un pazzo".

In più occasioni l'ha poi colpita con pugni e calci al viso, al corpo ed alle cosce, stringendole le mani al collo per soffocarla, minacciandola di morte con un coltello, fino ad arrivare a cospargerle il capo con del liquido infiammabile, dicendole: "Ti do fuoco, devi morire".

A chiedere aiuto ai carabinieri è stata proprio la donna che ha raccontato quanto patito negli ultimi due anni di matrimonio. Il trentaseienne è stato rinchiuso nel carcere di Catania mentre la moglie e i tre figli sono stati accompagnati in una struttura protetta.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dimentica il figlio in auto alla Cittadella, muore bimbo di 2 anni

  • 8 cibi che non dovrebbero essere dati ai bambini

  • Traffico di droga, nel mirino i clan Cappello-Bonaccorsi e Cursoti Milanesi: 40 arresti

  • Traffico di droga pilotato dai clan, 40 arresti: i nomi

  • Incidente stradale, auto si ribalta in tangenziale: conducente bloccato all'interno

  • Ripuliscono il conto corrente di una pensionata: 3 denunciati, tra loro una donna

Torna su
CataniaToday è in caricamento