La Uil etnea dice no al ddl Pillon con un convegno

Una presa di posizione netta, emersa nel corso del convegno “Progetto Donna”

foto archivio
Da Catania la Uil dice “no, no assolutamente no!” al “ddl Pillon” sull’affido condiviso e il mantenimento dei figli in caso di separazione dei genitori. Una presa di posizione netta, emersa nel corso del convegno “Progetto Donna” che s’è tenuto oggi su iniziativa dell’organizzazione sindacale nella sala “Mico Geraci” di via Sangiuliano. Al centro del dibattito pure mobbing, stalking e violenza di genere per affermare “anche oltre l’8 marzo” i diritti delle donne, come sottolineato da Enza Meli nel suo discorso di saluto a una platea affollatissima. “Di questi temi si dovrebbe parlare sempre, non solo nella Giornata della Donna. Soprattutto - sottolinea la segretaria generale della Uil di Catania - bisognerebbe parlarne con i signori uomini, già in età scolare, perché le radici dell’odio affondano lì e lì vanno sradicate. Uil Pari Opportunità e Centro ascolto Uil Mobbing e Stalking lavorano quotidianamente a tutto campo, nella consapevolezza della complessità e della profondità del fenomeno”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Sfida interna a Forza Italia: gli equilibri si "pesano" anche a Catania

  • Cronaca

    Giulia Grillo torna a Catania: previste visite negli ospedali etnei

  • Cronaca

    Il questore Francini lascia Catania, il sindaco: "La città lo ringrazia"

  • Cronaca

    Spacciatore di crack e cocaina arrestato dalla polizia a Librino

I più letti della settimana

  • Bomba d'acqua su Catania, allerta meteo gialla: allagamenti e disagi

  • Pesciolini d'argento: cosa sono e come eliminarli

  • Insolito "via vai" fa scattare il blitz, sequestrati 100 chili di marijuana: arrestati 2 fratelli

  • Incidente stradale a Paternò, scontro tra due auto: padre e figlia feriti

  • Cosa fare a Catania, i 15 eventi del week-end: Sagra del Cannolo, Notte dei Musei, Umbertata

  • Evade dai domiciliari dopo un litigio con la moglie: "Meglio il carcere"

Torna su
CataniaToday è in caricamento