Donna si rifugia dentro la Polizia postale per fuggire da uno stalker

L'uomo è stato arrestato in flagranza dopo che aveva aggredito la vittima ed una sua amica e aveva seguito le due donne fin dentro i locali del compartimento di polizia postale

Un uomo di 47 anni è stato arrestato in flagranza da agenti della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Catania per atti persecutori nei confronti di una donna di 40 anni che si rifiutava di allacciare con lui una relazione sentimentale.

All'uomo sono stati concessi gli arresti domiciliari dal sostituto procuratore Rosaria Molè. L'uomo è stato arrestato in flagranza dopo che aveva aggredito la vittima ed una sua amica e aveva seguito le due donne fin dentro i locali del compartimento di polizia postale, dove avevano cercato rifugio.

Alla fine del mese scorso la vittima aveva denunciato alla polizia postale di avere ricevuto in circa 20 giorni quasi 2.000 sms, alcuni con offese e minacce, e di avere subito un'aggressione dall'uomo. Ieri l'epilogo della vicenda: la donna, che nel frattempo continuava a ricevere chiamate e messaggi, ha incontrato per un'ennesima volta lo spasimante, accompagnata da un'amica, per tentare di fare cessare le molestie da parte dell'uomo, che invece ha preso a calci e pugni la loro auto e poi le ha seguite fino alla polizia inveendo contro la donna.

All'arrestato sono stati sequestrati i telefoni cellulari, che da un'analisi tecnica contengono oltre a numerosissimi sms altrettante chiamate senza risposta alla vittima.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Avatar anonimo di Paolo
    Paolo

    @ Arancia: secondo te la vittima quando aveva dato il cellulare a questo gentiluomo poteva immaginare che l'avrebbe aggredita? Adesso la colpa e' di questa poveretta aggredita fin negli uffici della Polizia e non di questo delinquente! Complimenti! E' come quando una donna viene violentata e qualcuno come te dice che se l'era cercata...

  • Avatar anonimo di Federica P
    Federica P

    @ Arancia: hai mai sentito parlare di ex mariti, fidanzati, amici, che da gentili ed affettuosi diventano stalker e/o assassini? Ps. Dubito che sei una donna

  • Avatar anonimo di Arancia
    Arancia

    Ma fatemi il piacere! "Alla fine del mese scorso la vittima aveva denunciato alla polizia postale di avere ricevuto in circa 20 giorni quasi 2.000 sms, alcuni con offese e minacce“, E QUESTO MOSTRO COME AVEVA FATTO AD AVERE IL SUO NUMERO DI CELLULARE, FORSE CHE FORSE GLIELO AVEVA DATO LEI!? Se anche quest'uomo ad un certo punto è "impazzito" ciò non toglie che sicuramente all'inizio lei gli ha quantomeno parlato e dato il suo numero. P.S. Sono una donna.

  • Avatar anonimo di Indignato
    Indignato

    La migliore prevenzione dal ripetersi di questi atti e' pubblicare nomi e foto di questi mostri, per la pubblica tutela della sicurezza e non della privacy di questi vermi

  • Avatar anonimo di Antonio
    Antonio

    Arresti domiciliari per un pazzo pericoloso? Complimenti alla "giustizia"italiana! Cosa si aspetta per buttarlo in carcere? Un omicidio? Vergogna!!!!

    • Avatar anonimo di step
      step

      all'omicidio poi ci penseranno i fratelli, parenti o amici della donna aggredita.. a volte credo nel medioevo le cose andavano meglio..

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Acireale, presa la banda dei furti in appartamento: si arrampicavano sulle grondaie

  • Cronaca

    Ispettori sanitari "visitano" Trecastagni, multati bar Campisi ed una macelleria

  • Cronaca

    Migliorano le condizioni della donna ricoverata per meningite

  • Cronaca

    Ditta di autotrasporti evadeva il fisco, sequestrato un appartamento

I più letti della settimana

  • Ubriaco e senza assicurazione, fugge dai poliziotti e si schianta su un'auto

  • Colpo da 35 mila euro in un supermercato "Ipersimply", preso rapinatore

  • Lettori: "Un ubriaco ha cercato di 'prendere' mia figlia in piazza Verga"

  • Donna ruba alimentari all’Ipercoop del centro commerciale "Le Zagare"

  • In carcere per cumulo di pene, arrestato dai carabinieri

  • Controlli della polizia al viale Mario Rapisardi e nel quartiere di Monte Pò

Torna su
CataniaToday è in caricamento