Donna uccisa da una palma, Comune: "Subito ricognizione stato delle piante"

Partirà immediatamente la ricognizione dello stato di salute delle palme presenti sul territorio di Catania. È stato concordato nel corso di un vertice, presieduto dal sindaco Enzo Bianco, tra amministrazione comunale ed esperti dell’area di Difesa delle piante del Digesa

Partirà immediatamente la ricognizione dello stato di salute delle palme presenti sul territorio di Catania. È stato concordato nel corso di un vertice, presieduto dal sindaco Enzo Bianco, tra amministrazione comunale ed esperti dell’area di Difesa delle piante del Digesa – Dipartimento di gestione dei sistemiagroalimentari e ambientali – dell’Università di Catania.

Dopo la tragica morte, ieri, di una donna travolta dall’apice di una palma in piazza Cutelli, il Sindaco aveva chiesto al consulente per il Verde, il dott. Annibale Sicurella, di procedere, con l’aiuto di esperti di provata esperienza, a un’analisi immediata dello stato di salute di tutte le palme. A partire proprio da quelle di piazza Cutelli, eliminate ieri dopo aver accertato che presentavano diversi livelli di infestazione, difficili da curare e comunque ritenute ad alto rischio per la pubblica incolumità.

"La convenzione con l’Università e in particolare con gli esperti del Digesa per un’analisi approfondita dello stato delle palme sarà siglata in tempi brevissimi", si legge nella nota del Comune. Ma in attesa che questa venga sottoscritta, si partirà comunque subito, di concerto anche con i Servizi fitosanitari della Regione Siciliana.

 (GUARDA IL VIDEO)

“Quanto avvenuto ieri – ha spiegato il Pompeo Suma, ricercatore del Digesa – rappresenta una fase per certi versi nuova, nei nostri ambienti, del comportamento del punteruolo rosso che ha attaccato un tipo di palma, quella da dattero, con modalità tali da rappresentare un pericolo per l’incolumità pubblica. Tre anni fa nelle piante era stata da noi riscontrata la presenza dei primi sintomi di attacco e il Comune aveva attuato gli interventi fitosanitari previsti dalla legge, che però si sono rivelati inefficaci. Dopo quanto avvenuto ieri, insomma, risulta evidente che i protocolli finora seguiti per individuare la presenza e gestire l’infestazione di questo parassita non sono più sufficienti e vanno modificati”.

IL CORDOGLIO DI BIANCO: "Aperta indagine interna"

Oltre ad una ispezione rapida su tutte le palme seguendo una priorità di potenziale pericolosità e di sistemazione in punti particolarmente critici della città, nella convenzione sarà prevista anche la formazione di personale – giardinieri del Comune e della Multiservizi, vigili urbani, operai delle manutenzioni e operatori ecologici – che possa segnalare agli esperti eventuali anomalie sulle piante. 

“Il nostro gruppo – ha sottolineato Suma – fa parte di un network europeo che da anni studia questi fenomeni. Per via di quest’esperienza è possibile ipotizzare che si sia aperta una nuova frontiera nella gestione delle infestazioni di questo parassita. Si prospettano dunque scenari prima difficilmenteimmaginabili che acuiscono il potenziale di pericolosità delle piante colpite. Occorre dunque avviare un’attività per certi versi pionieristica e che sta destando parecchio interesse tra gli scienziati, in particolare in Gran Bretagna, dove esiste un gruppo di studio che si occupa di analizzare il fenomeno del punteruolo rosso  dal puntodi vista socioecologico”.

“Da qualche mese – ha ricordato l’assessore al Verde Rosario D’Agata – è stata avviata una procedura per trovare i fondi destinati a una ricognizione sulla stabilità di tutti gli alberi di Catania. Cominceremo quindi dalle palme, ma poi proseguiremo anche con tutti gli altri alberi. Intanto attiveremo un numero verde al quale i cittadini potranno segnalarci i casi sospetti”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Esmeralda
    Esmeralda

    vediamo se ho capito bene:Si sapeva dell'infestazione,si sapeva che i protocolli di intervento non erano efficaci,non si avevano i fondi per una bonifica  , si aspettava un intervento divino,insomma come dire, vediamo a chi tocca ....bene ,non sono indignata per queste pseudo scuse ma sono arrabbiata,vi do un consiglio  si dimettano tutti quelli che avevano è hanno la responsabilità di controllo e tutela dei cittadini,fatelo spontanemente ,almeno salverete l'onore e la dignità se ancora ne avete.

  • Avatar anonimo di Domenico
    Domenico

    Purtroppo sono tragedie preannunciate. Abbattete la palma che si trova a piazza roma accanto al chioschetto

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Animali maltrattati, demolito canile abusivo in via Ustica

  • Cronaca

    Inchiesta appalti sui servizi al Cara, unico procedimento per 15 indagati

  • Cronaca

    Santa Venerina, 37enne ferito all'occhio con un colpo di pistola

  • Cronaca

    Librino, pusher e vedetta sotto i portici: arrestati

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia, tra gli arrestati anche il cantante neomelodico Andrea Zeta

  • Dalla musica neomelodica di Zeta agli affari del clan Santapaola: l'ascesa della famiglia Zuccaro

  • Sidra, niente acqua a Catania il 18 marzo: ecco le zone interessate

  • Clan Santapaola-Ercolano, 14 arresti: imponevano anche la sicurezza nei locali

  • Incidente stradale in viale Vittorio Veneto, donna investita

  • Diverbio tra automobilisti, minacce e danneggiamento: padre e figlio indagati

Torna su
CataniaToday è in caricamento