Dottoressa violentata in guardia medica, aggressore condannato a otto anni

Il 27enne Alfio Cardillo è stato considerato colpevole di violenza sessuale, lesioni e sequestro di persona. Previsto per la vittima un risarcimento di 60 mila euro

Il Gup di Catania Giuliana Sammartino ha condannato a otto anni di reclusione Alfio Cardillo, il 27enne arrestato il 19 settembre del 2017 da carabinieri, per avere sequestrato e violentato per alcune ore la dottoressa di 52 anni mentre era in servizio alla Guardia medica a Trecastagni. La Procura aveva chiesto la condanna a 15 anni di reclusione, ridotti a 10 per l'accesso al rito alternativo del processo abbreviato.

La condanna 

Il Gup, che lo ha considerato colpevole di violenza sessuale, lesioni e sequestro di persona, nella sentenza ha ritenuto la continuazione dei reati e la diminuzione del rito. Cardillo, che è detenuto, è stato interdetto in maniera perpetua dai pubblici uffici.

Il giudice ha fissato un risarcimento del danno non patrimoniale di 60mila euro in favore della vittima, la dottoressa, Strano, e di 5mila per l'associazione antiviolenza e antistalking Calyspo. Il legale dell'imputato, l'avvocato Luca Sagneri, ha annunciato ricorso in appello contro la sentenza.

Il commento della vittima

"La condanna l'ha decisa un giudice e sarà giusta, non sono un'esperta, ma a me resta l'amarezza dell'assoluta indifferenza dell'Ordine dei medici di Catania che mi ha lasciata sola, senza costituirsi parte civile nel processo". Ha commentato così dottoressa Serafina Strano, violentata nel settembre del 2017 nella guardia medica di Trecastagni mentre era in servizio, la sentenza del Gup di Catania che ha condannato a 8 anni di reclusione Alfio Cardillo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Trovo scandaloso - aggiunge la dottoressa - che nonostante la mia segnalazione l'ordine dei medici di Catania non sia stato al mio fianco, ignorando il mio caso. E' l'ennesima dimostrazione che il sistema è malato"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Sicilia 15 nuovi casi di Coronavirus, nessun focolaio: quattro casi a Catania

  • Reati fiscali, coinvolti nomi della cordata interessata al Calcio Catania: gli arrestati

  • Sidra, giovedì 16 luglio sospesa erogazione idrica in un'ampia area di Catania

  • Coronavirus, famiglia positiva a Librino: l’Asp sta ricostruendo i movimenti dei 4 componenti

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 10 luglio 2020

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, auto contro tir: morta una donna, grave il figlio

Torna su
CataniaToday è in caricamento