Famiglia dorme in auto, Casapound trova un alloggio

"Da mesi due bambini di 3 mesi e 3 anni e i giovani genitori dormono in un'auto prestata all'interno di un parcheggio di un supermercato dell'hinterland catanese", questa é la segnalazione di CasaPound Catania. Il movimento ha trovato una casa a Mascalucia

"Da mesi due bambini di 3 mesi e 3 anni e i giovani genitori dormono in un'auto prestata all'interno di un parcheggio di un supermercato dell'hinterland catanese", questa é la segnalazione di CasaPound Catania. Una situazione di estremo disagio che segue lo sfratto repentino con cui questa famiglia si è trovata senza più un tetto sopra la testa.

"Da quando abbiamo ricevuto la notizia - aggiunge Pierluigi Reale coordinatore di CasaPound Italia Catania - ci siamo messi alla ricerca di questa famiglia, trovandola in territorio di Mascalucia e ricoverandola presso un B&B per due notti, con l'aiuto di altre realtà di volontariato. Da subito ci siamo attivati nel destinare loro alimenti, cibo specifico per il neonato e indumenti di pronto uso di cui avevamo disponibilità grazie alle raccolte alimentari. Siamo riusciti a dare loro un tetto e la certezza di non dover vivere in strada".

"A nome di tutta CasaPound Italia - conclude Pierluigi Reale - ringrazio i nostri sostenitori e le associazioni che hanno permesso a questa famiglia di uscire da una situazione non facile. A risultato acquisito e consolidato, ne diamo annuncio pubblico a soddisfazione di tutti coloro che hanno dato un aiuto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: le raccomandazioni del Ministero della Salute

  • Incidente stradale al viale Mediterraneo, perde il controllo della moto e si schianta: un morto

  • Blitz dei carabinieri, sgominata banda di spacciatori: 24 arresti

  • Incidente stradale sulla Catania-Gela, auto sbanda e cappotta: morta una 41enne

  • Traffico di cocaina e hashish nel Catanese: i nomi degli arrestati

  • Due cadaveri trovati a Brindisi: una delle vittime lavorava a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento