Festa di Sant'Agata, la proposta: "Denaro per i fuochi sia dato ai poveri"

Free Green Sicilia chiede che il denaro speso per i fuochi d’artificio sia usato per iniziative a favore di famiglie e cittadini indigenti

Una candelora accanto un barbone

No ai fuochi d'artificio per la festa di Sant'Agata. E' quanto chiede Alfio Lisi, portavoce di 'Free Green', in risposta al dissesto del comune di Catania ed allo stato di bisogno che coplisce molte famiglie catanesi.

"Sperperare centinaia di migliaia di euro e incenerirli in pochi minuti in fuochi d’artificio è oggi più che mai da considerare alla stregua di un crimine contro quella massa di famiglie e individui indigenti o di quelli che sono di fatto ridotti alla miseria costretti a fare giornalmente la fila nelle poche mense gestite da associazioni e volontari con contributi pubblici ridotti al lumicino".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Free Green Sicilia chiede che il denaro publico che da decenni viene speso per i fuochi d’artificio venga utilizzato per iniziative a favore di famiglie e cittadini indigenti, senza tetto né introiti per riuscire a sopravvivere nel periodo invernale, quando il freddo e la fame mettono a rischio la vita di molte persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento