Giarre, spacciava “coca” e “fumo” tra le case popolari: un arresto

All’interno di un vano, dov’erano collocati i contatori condominiali, era stata nascosta e preparata la droga da piazzare in strada ai diversi acquirenti

I carabinieri della stazione di Giarre hanno arrestato un 30enne del posto, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso di un servizio antidroga svolto domenica notte in via Settembrini, nel cuore dei complessi di edilizia popolare, i militari, dopo un lungo servizio di osservazione, hanno scelto il momento opportuno per intervenire e bloccare l'uomo all’interno di un vano, dov’erano collocati i contatori condominiali, dove era stata nascosta e preparata la droga da piazzare in strada ai diversi acquirenti. La perquisizione del locale, poi estesa alla persona, ha consentito ai carabinieri di rinvenire e sequestrare: 14 dosi di cocaina, 22 dosi di marijuana e due bilancini elettronici di precisione, nonché di trovare in tasca dello spacciatore 50 euro in contanti, ritenuti il provento dell’attività illecita. L’arrestato, in attesa della direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Coronavirus, anche oggi nessun decesso: a Catania zero nuovi contagi

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Pensioni d’invalidità con la compiacenza di medici dell’Asp: sei misure cautelari

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento