Giarre, edifici storici pericolanti: il sindaco intima messa in sicurezza

I proprietari dovranno provvedere con urgenza entro 30 giorni per prevenire o eliminare i pericoli di minaccia alla pubblica incolumità

Gli immobili del centro storico che si trovano in cattivo stato di manutenzione o pericolanti dovranno essere messi in sicurezza entro 30 giorni. Questo il termine perentorio stabilito con ordinanza sindacale del 7 marzo scorso dal sindaco di Giarre Angelo D’Anna.

La necessità di provvedere a prevenire o eliminare gravi pericoli di minaccia alla pubblica incolumità è stata manifestata dal Sindaco all' Ufficio Tecnico lo scorso mese di Novembre a seguito del crollo di una vecchia abitazione in via Cucinotta. Con questa ordinanza  viene intimato ai proprietari degli edifici ricadenti nel centro storico di Giarre e delle frazioni, a provvedere con urgenza, con particolare riguardo per quegli immobili prospicienti le aree e le pubbliche vie al fine di scongiurare situazioni di pericolo per le persone e cose.

L’inosservanza della disposizione comporterà una sanzione amministrativa nei confronti dei proprietari, oltrechè provvedimenti di natura penale nel caso si accertasse la colpa del proprietario dell’immobile nell’aver causato danni alle cose e/o pericolo per la pubblica incolumità: “Con l’ordinanza emessa intendiamo affiancare una visione della città che prevede un recupero dei centri storici spesso oramai divenuti disabitati o estranei alla città stessa - ha commentato il sidnaco -  e puntare in particolare sulla possibilità di valorizzazione e riqualificazione del territorio mediante una nuova residenzialità e l’apertura di botteghe artigiane in quanto un centro storico che si ripopola diviene presidio di legalità rispetto a delle zone abbandonate a se stesse. Ci riferiamo soprattutto alla zona del camposanto vecchio, al quartiere ricompreso tra la via Callipoli direzione est fino ad intersecarsi con la via Turati, alle zone storiche delle frazioni, prime tra tutte Macchia e San Giovanni. Sarà nostra intenzione tra qualche mese verificare gli interventi attivati e valutare altresì la possibilità di poter elaborazione un piano organico di interventi di riqualificazione urbana. Si tratta di un primo passo importante per il quale ci aspettiamo collaborazione da parte della cittadinanza"

Potrebbe interessarti

  • Anedonia: definizione, sintomi e cura

  • Smettere di fumare fai-da-te: alcuni consigli

  • Abbronzatura: consigli per esaltarla

  • Casa: come eliminare la sabbia

I più letti della settimana

  • Incidente stradale sull'asse dei servizi, ferite due persone in moto

  • Catania 2.0: "Quanto ha speso il Comune per la visita del ministro?"

  • Crolla una parete interna del cratere di Nord-Est dell’Etna

  • Catania Summer Fest: tutti gli appuntamenti dal 17 al 31 agosto

  • Sparatoria a Ucria, il presunto assassino è originario di Paternò

  • San Gregorio, polstrada denuncia 12 "furbetti del casello"

Torna su
CataniaToday è in caricamento