Il generale Giuseppe Governale è il nuovo capo della Dia

Arriva alla Dia dopo due anni e tre mesi alla guida del Ros. In passato ha guidato il comando provinciale di Catania

foto Ansa

Il generale dei carabinieri Giuseppe Governale ha assunto oggi la carica di direttore della Direzione investigativa antimafia, subentrando al generale di divisione della guardia di finanza Nunzio Ferla. Governale, che arriva alla Dia dopo due anni e tre mesi alla guida del Ros, ha guidato il comando di Catania, entrando in carica nel 2007.

Governale: "La mafia è un demone travestito da angelo" - Video

E' nato a Palermo, è sposato e ha tre figli. Laureato in giurisprudenza e scienze politiche, nel corso della sua carriera ha ricoperto numerosi incarichi presso il comando generale dell'arma dei carabinieri. Arruolatosi nel 1978, nel 1984 diventa comandante del nucleo operativo della compagnia carabinieri di Napoli per poi assumere dal 1987 il comando della compagnia di Livorno. Nel 1991 a Milano regge la compagnia Porta Monforte prima di essere destinato nel 1994 al comando generale, come addetto all'ufficio personale ufficiali e dal 1997 al 2001 capo sezione all'ufficio legislazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel 2001 assume l'incarico di comandante provinciale dei carabinieri di Modena. Nel 2003 torna a Roma quale capo ufficio addestramento e studi della scuola ufficiali dei carabinieri. Nel 2013 è tornato in Sicilia con il grado di generale di brigata, al comando della legione regionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

  • "Dammi i soldi o ti spezzo le gambe", arrestato mentre attende la vittima sotto casa

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento