Hacker bloccano due siti dell'Università, online la scritta: 'Stop killing people in Syria'

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di 'cyber resistenza', nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis

Una denuncia alla polizia di Stato sarà presentata domani dall'università di Catania per l'attività di hacker che hanno oscurato oggi per diverse ore due siti dell'ateneo, Città della scienza e Capitt, facendo apparire la scritta rossa su sfondo nero "Stop killing people in Syria".

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di 'cyber resistenza', nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis. I tecnici dell'università sono riusciti a rimuovere il messaggio e stanno per redigere una relazione che sarà allegata alla denuncia. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Scandalo rifiuti a Catania, resta in carcere l'imprenditore Deodati

  • Cronaca

    Dia sequestra 300 mila euro a clan Cappello-Bonaccorsi

  • Politica

    Elezioni, D'Agostino appoggia Pogliese ma Giorgianni non ci sta

  • Cronaca

    Crisi Auchan, indetto lo stato di agitazione in 200 punti vendita

I più letti della settimana

  • Pesce scaduto e congelato venduto nei ristoranti di sushi: denunciati due titolari

  • Incidente stradale, auto fa un volo di 6 metri: 3 morti

  • Cadavere di una donna trovato nei pressi del viale Kennedy

  • Arrestata banda di rapinatori: volevano sparare a due compagni

  • Incidente mortale sulla Catania-Siracusa, muore motociclista

  • Previsioni meteo, emanato il bollettino della protezione civile: continua l'allerta 'gialla'

Torna su
CataniaToday è in caricamento