Hacker bloccano due siti dell'Università, online la scritta: 'Stop killing people in Syria'

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di 'cyber resistenza', nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis

Una denuncia alla polizia di Stato sarà presentata domani dall'università di Catania per l'attività di hacker che hanno oscurato oggi per diverse ore due siti dell'ateneo, Città della scienza e Capitt, facendo apparire la scritta rossa su sfondo nero "Stop killing people in Syria".

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di 'cyber resistenza', nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis. I tecnici dell'università sono riusciti a rimuovere il messaggio e stanno per redigere una relazione che sarà allegata alla denuncia. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Le first ladies a Catania, Melania Trump la più attesa: a scortarla 10 auto

    • Cronaca

      Rubano foto nuda dall'Ipad di una consigliera comunale e le attaccano sui muri del paese

    • Cronaca

      Cara di Mineo, procuratore Verzera: "Le donne hanno paura di essere stuprate"

    • Cronaca

      Litiga con il figlio e gli spara un colpo di pistola: arrestato

    I più letti della settimana

    • G7, è il giorno delle "first ladies" a Catania: il programma è rigorosamente "Made in Sicily"

    • Sgominata banda che gestiva una piazza di spaccio ad Acireale: 11 arresti

    • Policlinico, dall'edificio 13 cade vetrata su auto parcheggiate

    • San Cristoforo, sequestrata droga per mezzo milione di euro: un arresto

    • Le first ladies a Catania, Melania Trump la più attesa: a scortarla 10 auto

    • Atti osceni in mezzo alla strada: fermato, aggredisce due carabinieri

    Torna su
    CataniaToday è in caricamento