Hacker bloccano due siti dell'Università, online la scritta: 'Stop killing people in Syria'

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di 'cyber resistenza', nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis

Una denuncia alla polizia di Stato sarà presentata domani dall'università di Catania per l'attività di hacker che hanno oscurato oggi per diverse ore due siti dell'ateneo, Città della scienza e Capitt, facendo apparire la scritta rossa su sfondo nero "Stop killing people in Syria".

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di 'cyber resistenza', nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis. I tecnici dell'università sono riusciti a rimuovere il messaggio e stanno per redigere una relazione che sarà allegata alla denuncia. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Allerta meteo con codice rosso da mezzanotte, il Comune invita alla massima prudenza

    • Cronaca

      Colpo alla mafia etnea, sigilli a beni per 5 milioni di euro: sequestrato l'Etna Bar

    • Cronaca

      Palagonia: carabinieri arrestano 43enne per tentato omicidio

    • Cronaca

      Due pregiudicati arrestati dalla squadra mobile

    I più letti della settimana

    • Colpo alla mafia etnea, sigilli a beni per 5 milioni di euro: sequestrato l'Etna Bar

    • Controlli e sanzioni per il bar "Alecci" e il girarrosto "Papale"

    • La "grande truffa" dei carburanti: contatori truccati e gasolio agricolo

    • Preso il boss latitante Andrea Nizza, comunicava con i pizzini: con lui la moglie e due figli

    • Arrestati esponenti di spicco del clan Santapaola: coinvolti anche noti professionisti

    • Porte di Catania, "branco" di minorenni aggredisce addetto a stand espositivo

    Torna su
    CataniaToday è in caricamento