Hacker bloccano due siti dell'Università, online la scritta: 'Stop killing people in Syria'

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di 'cyber resistenza', nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis

Una denuncia alla polizia di Stato sarà presentata domani dall'università di Catania per l'attività di hacker che hanno oscurato oggi per diverse ore due siti dell'ateneo, Città della scienza e Capitt, facendo apparire la scritta rossa su sfondo nero "Stop killing people in Syria".

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di 'cyber resistenza', nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis. I tecnici dell'università sono riusciti a rimuovere il messaggio e stanno per redigere una relazione che sarà allegata alla denuncia. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Riqualificazione area piazza Sciuti: una ztl con arredi urbani e verde

    • Cronaca

      La compagnia olandese Klm arriva a Fontanarossa: collegherà Catania ad Amsterdam

    • Cronaca

      Seconda pista aeroporto, Bianco:"Già finanziato da Cipe interramento ferrovia"

    • Cronaca

      Santa Maria di Licodia, liquami vicino ad abitazioni e attività commerciali

    I più letti della settimana

    • Incidente stradale in Tangenziale, scontro tra tre auto all'altezza di Paternò-Misterbianco

    • Pasticceria evade il fisco per 750 mila euro: 5 lavoratori in nero

    • Rapinavano le ville, presa pericolosa “banda” di pregiudicati

    • Incidente stradale sulla Messina-Catania, coinvolta una sola auto: lunghe code

    • Si feriscono durante una scampagnata: mano amputata ad una 14enne

    • San Gregorio, meningite per uno scolaro dell’Istituto “San Domenico Savio”

    Torna su
    CataniaToday è in caricamento