Hacker bloccano due siti dell'Università, online la scritta: 'Stop killing people in Syria'

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di 'cyber resistenza', nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis

Una denuncia alla polizia di Stato sarà presentata domani dall'università di Catania per l'attività di hacker che hanno oscurato oggi per diverse ore due siti dell'ateneo, Città della scienza e Capitt, facendo apparire la scritta rossa su sfondo nero "Stop killing people in Syria".

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di 'cyber resistenza', nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis. I tecnici dell'università sono riusciti a rimuovere il messaggio e stanno per redigere una relazione che sarà allegata alla denuncia. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Acireale, presa la banda dei furti in appartamento: si arrampicavano sulle grondaie

    • Cronaca

      Ispettori sanitari "visitano" Trecastagni, multati bar Campisi ed una macelleria

    • Cronaca

      Migliorano le condizioni della donna ricoverata per meningite

    • Cronaca

      Ditta di autotrasporti evadeva il fisco, sequestrato un appartamento

    I più letti della settimana

    • Ubriaco e senza assicurazione, fugge dai poliziotti e si schianta su un'auto

    • Colpo da 35 mila euro in un supermercato "Ipersimply", preso rapinatore

    • Lettori: "Un ubriaco ha cercato di 'prendere' mia figlia in piazza Verga"

    • Donna ruba alimentari all’Ipercoop del centro commerciale "Le Zagare"

    • In carcere per cumulo di pene, arrestato dai carabinieri

    • Controlli della polizia al viale Mario Rapisardi e nel quartiere di Monte Pò

    Torna su
    CataniaToday è in caricamento