Hacker bloccano due siti dell'Università, online la scritta: 'Stop killing people in Syria'

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di 'cyber resistenza', nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis

Una denuncia alla polizia di Stato sarà presentata domani dall'università di Catania per l'attività di hacker che hanno oscurato oggi per diverse ore due siti dell'ateneo, Città della scienza e Capitt, facendo apparire la scritta rossa su sfondo nero "Stop killing people in Syria".

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di 'cyber resistenza', nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis. I tecnici dell'università sono riusciti a rimuovere il messaggio e stanno per redigere una relazione che sarà allegata alla denuncia. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Caltagirone, trovato dai sommozzatori il corpo di un pastore scomparso

  • Cronaca

    Università, il primo bilancio del rettore Basile: "Attenzione a studenti meritevoli e dottorandi"

  • Cronaca

    Omicidio Giordana, niente comunità da Don Mazzi: Priolo resta in carcere

  • Incidenti stradali

    Incidente stradale a Pedara, camion si ribalta: conducente incastrato

I più letti della settimana

  • Trovato il cadavere di un uomo sulla spiaggetta di San Giovanni Li Cuti

  • Rissa tra venditori ambulanti alla fiera, furgone travolge bancarelle: indagini in corso

  • I migliori locali di Catania in cui mangiare pesce take away

  • Incidente stradale in Tangenziale, 3 auto coinvolte: traffico rallentato

  • Controlli sul lungomare dei Ciclopi, sanzioni per un lido e un bar

  • Saccheggiavano le auto fuori dai locali, sgominata banda di 4 catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento