Hacker bloccano due siti dell'Università, online la scritta: 'Stop killing people in Syria'

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di 'cyber resistenza', nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis

Una denuncia alla polizia di Stato sarà presentata domani dall'università di Catania per l'attività di hacker che hanno oscurato oggi per diverse ore due siti dell'ateneo, Città della scienza e Capitt, facendo apparire la scritta rossa su sfondo nero "Stop killing people in Syria".

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di 'cyber resistenza', nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis. I tecnici dell'università sono riusciti a rimuovere il messaggio e stanno per redigere una relazione che sarà allegata alla denuncia. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Ricerca e prevenzione: Festa di Primavera a Catania, in migliaia in piazza

    • Cronaca

      Largo Bordighera tra spaccio, insicurezza e degrado: il racconto dei residenti

    • Cronaca

      Consorzio di bonifica, stop alla protesta: arriva la firma per l'avvio dei lavori

    • Cronaca

      In corso nuova operazione antidroga tra Catania e Caltanissetta

    I più letti della settimana

    • Controllati due bar di Tremestieri Etneo e Nicolosi, trovati anche escrementi di topo

    • Spari davanti alla discoteca Ecs Dogana, questura sospende licenza per 15 giorni

    • Pubblica su “Subito.it” una vespa rubata: rintracciato ed arrestato a Scordia

    • Pacco con una bomba bloccato in aeroporto: era diretto negli Usa

    • Risolto l'omicidio dell'imprenditore Fortunato Caponnetto: 4 in manette

    • Era ricercato dal 2015 per una rapina: preso alla villa Bellini

    Torna su
    CataniaToday è in caricamento