La Procura di Catania apre fascicolo per la morte dell'avvocato modicano

La figlia Alessia, la regista del film 'Italo', aveva scritto e reso pubblica una lettera nella quale denunciava i ritardi della sanità pubblica siciliana

La procura di Catania ha aperto un fascicolo per la morte dell'avvocato Carmelo Scarso, già presidente del consiglio comunale di Modica, dopo la lettera-denuncia fatta dalla figlia Alessia, la regista del film 'Italo', nella quale denunciava i ritardi della sanità pubblica siciliana. Le ipotesi di reato sono rifiuto di atti d'ufficio e omicidio colposo in ambito sanitario.

"Con la mia famiglia rimaniamo a disposizione della magistratura - dice Alessia Scarso in un post su Fb - come lo siamo stati della politica, per fare luce su una vicenda che ha rivelato criticità importanti. Ringrazio il Codacons per essersi rivolto a un referente giudiziario, dato che le parti politiche tendono a dimenticare, giustificare o cavalcare le notizie. Esistono tantissimi casi di persone vittime di questo momento di crisi della sanità pubblica, persone che però non scrivono lettere a nessuno per raccontare ciò che gli succede. Che il lavoro della magistratura possa focalizzare i nodi ed eventuali responsabilità, così che si attivi un circuito di soluzioni per il bene di tutti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Truffe alle assicurazioni, 36 indagati: coinvolti due avvocati

  • Bollo auto 2020: sconti e nuove modalità di pagamento

  • Blitz dei carabinieri, sgominata banda di spacciatori: 24 arresti

  • Mafia, asse tra clan Mazzei e cosche trapanesi: 28 arresti

  • Incidente stradale sulla Catania-Gela, auto sbanda e cappotta: morta una 41enne

  • Traffico di cocaina e hashish nel Catanese: i nomi degli arrestati

Torna su
CataniaToday è in caricamento