Latitante catturato dopo la visita alla moglie incinta

Indagato per rapina aggravata in concorso, reato commesso nel luglio del 2017 a San Giovanni in Marignano (RN), dove prese di mira un ufficio postale dopo averne rapinato un altro a Mantova

I carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Gravina di Catania hanno arrestato il 46enne catanese Riccardo Ventaloro, in esecuzione di una misura cautelare emessa dalla Corte di Appello di Bologna. Indagato per rapina aggravata in concorso, reato commesso nel luglio del 2017 a San Giovanni in Marignano (RN), dove prese di mira un ufficio postale dopo averne rapinato un altro a Mantova, finì agli arresti domiciliari da dove il 23 marzo scorso è evaso rendendosi irreperibile.

Dichiarato latitante dall’Autorità giudiziaria il 30 marzo scorso, grazie ad una indagine condotta dagli investigatori dell’Arma di Gravina, l’uomo ieri sera è stato catturato mentre in auto lasciava l’abitazione della moglie.

I militari, avendo avuto il sospetto che l’uomo si trovasse all’interno dell’immobile, hanno simulato un normale controllo con del personale in divisa, mentre l’intera zona era monitorata da diversi carabinieri in abiti civili, attirando di fatto l’attenzione della donna la quale, pur non rispondendo al citofono, dopo una decina di minuti è scesa in strada per accertarsi che i militari fossero andati via e poter segnalare al marito che la strada era libera così da farlo allontanare indisturbato in auto. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania a piazza Lanza.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Premiate le 14 migliori pizze della Sicilia orientale

  • Dimentica di inserire il freno a mano, muore schiacciata dalla sua auto

  • Vedono la polizia e scappano a 150 chilometri orari, arrestati

  • Cinque arancini gourmet: le ricette della quinta edizione di Chicchi riso e uva di Sicilia

  • Arresti a raffica della squadra mobile etnea

  • Auto rubate, la polizia scopre centrale di smantellamento: 4 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento