Laura Salafia: l'Unità spinale dell'Ospedale Cannizzaro è pronta ad accoglierla

Alla richiesta di Laura Salafia che vuole ritornare a Catania, la città - in parte- sta rispondendo. Dopo il presidente della Regione Lombardo anche l'Unità spinale dell'Ospedale Cannizzaro è pronta ad accogliere la ragazza

Alla richiesta di Laura Salafia che vuole ritornare a Catania, la città - in parte- sta rispondendo. Dopo il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, che ha manifestato la volontà della Regione siciliana di accogliere a braccia aperte Laura, "una figlia di questa terra vittima di una vicenda assurda", anche l'Unità spinale dell'Ospedale Cannizzaro aspetta la ragazza.

L'Unità, infatti, è una struttura di terapia e riabilitazione dedicata alle persone che hanno subito una lesione al midollo spinale e si ritiene, pertanto, in grado di assistere la studentessa rimasta paralizzata dopo essere stata colpita da una pallottola vagante lo scorso 1° luglio 2010.

La richiesta di trasferimento di Laura, dovrebbe partire dall'Istituto di Montecatone dove la ragazza è attualmente ricoverata e che, già, collabora con l'Unità catanese.

Mentre si fanno supposizioni sul rientro di Laura nella sua città - attraverso anche l'aiuto di una sottoscrizione che permetterebbe alla famiglia di sostenere le spese-  giovedi è prevista la sentenza in merito alla sorte del feritore, Andrea Rizzotti, che rischia 16 anni di reclusione per duplice tentato omicidio.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione a Librino, ladri piazzano bomba davanti a un tabacchi: un morto

  • Vertice a Catania sul Coronavirus: chi ha sintomi non vada in ospedale

  • Assalto in banca con escavatore a Trecastagni: si cercano i ladri in fuga

  • Bomba davanti a distributore tabacchi, identificata la vittima: 19enne incensurato e studente

  • Musumeci convoca nuovo vertice sul Coronavirus: in arrivo misure precauzionali

  • "Cattivo Tenente", i nomi degli arrestati

Torna su
CataniaToday è in caricamento