La lettera ai giovani del boss Lo Giudice: "Non commettete i miei errori"

Il boss 42enne Sebastiano Lo Giudice invita i ragazzi a lasciare perdere droga e alcol: "Godetevi la vita lavorando onestamente e con dignità", in modo di non dover avere mai paura "di chi bussa alla vostra porta"

Foto Ansa

"Istruitevi, aprite gli occhi e lasciate perdere i falsi miti perché prima vi chiameranno amore e dopo vi addosseranno anche le loro responsabilità e potrete gridare quanto volete perché nessuno vi sentirà e nessuno vi crederà". Lo scrive il boss Sebastiano Lo Giudice, 42 anni, in una lettera inviata all’Ansa, al quotidiano La Sicilia e al sito Livesicilia.

Lo Giudice, esponente del clan catanese dei 'Carateddi', è detenuto da quasi 10 anni in regime di 41bis nel carcere di Spoleto per associazione mafiosa, estorsioni, traffico di droga e per diversi omicidi commessi tra il 2001 e il 2009. Prima di essere pubblicata la missiva è passata al vaglio delle autorità competenti perché la materia è delicata e, come spiega La Sicilia, "tra le righe potrebbe nascondersi anche qualcos’altro". Nello scritto, inviato per il tramite di Salvatore Leotta, avvocato del foro di Catania, Lo Giudice si rivolge ai giovani "che crescono nei quartieri dove sono cresciuto io" e li esorta a "non prendere come esempio persone come me che si sono rovinati la vita" perché "quando ve ne renderete conto sarà troppo tardi e le sofferenze rimangono solo a voi e alle vostre famiglie".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il boss 42enne invita i ragazzi a lasciare perdere droga e alcol: "Godetevi la vita lavorando onestamente e con dignità", in modo di non dover avere mai paura "di chi bussa alla vostra porta". "Ho visto tanti bravi ragazzi perdersi senza capirne la motivazione" scrive ancora, "e sono certo" che se potessero tornare indietro "non rifarebbero più gli stessi errori, per cui abbiate la forza di dare una svolta alla vostra vita e non date adito alle millanterie dei quartieri perché prive di fondamento e fine a se stessi". "Io ho perso la mia bella gioventù - conclude Lo Giudice -, ho perso l'amore dei miei figli e delle persone che mi amano veramente, per cui se avrò la possibilità mi voglio godere solo i miei nipotini, altrimenti accetterò di morire in carcere". Secondo il suo legale - scrive l’Ansa -, lo Giudice "non ha manifestato intenzione di collaborare con la giustizia, ma vuole evitare che altri giovani commettano i suoi stessi gravissimi errori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale al viale Mediterraneo, a perdere la vita un motociclista di 39 anni

  • Incidente lungo il viale Mediterraneo: perde la vita un motociclista

  • Operazione "Malupassu", gli imprenditori denunciano e i boss finiscono in manette

  • Traffico di rifiuti, corruzione e concorso esterno in associazione mafiosa: nel mirino la “Sicula Trasporti”

  • Spaccio di cocaina, in manette vigile urbano che girava in "Porsche"

  • Svaligiano casa dei futuri sposi: denunciati i vicini

Torna su
CataniaToday è in caricamento