Librino, le famiglie delle case popolari chiedono la riduzione dell’Imu

Gli abitanti del quartiere popolare potrebbero scatenare una clamorosa protesta se la loro richiesta non venisse accolta dal Comune. Intanto è fissato per il 17 dicembre l'ultimo pagamento della tassa

Le famiglie del quartiere di Librino “contro” la seconda rata dell’Imu. Per loro la tassa rischia di diventare un salasso insopportabile e chiedono al Comune la riduzione dell’aliquota.

Domani, mercoledì 21 novembre, alle 10,30, nella sede di Legacoop, in via Santa Maria di Betlem, a Catania, sarà il presidente provinciale della Lega delle cooperative Giuseppe Giansiracusa insieme ai presidenti  delle principali cooperative catanesi di abitazione a proprietà indivisa, Angelo Lagona della coop “Gli Amiconi”Alessandro Scala  della coop “Risveglio”,  a spiegare i motivi della richiesta che se non venisse accolta potrebbe scatenare una clamorosa protesta.

“Il Governo nazionale ha previsto che non è dovuta la quota a favore dello Stato per l’Imu relativa alle unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa come case popolari con pagamento di canone adibite a prima casa –spiega Giuseppe Giansiracusa –   pare ovvio che la rinuncia dello Stato alla propria quota abbia l’evidente intento di favorire le cooperative edilizie di abitazione, dando così la possibilità ai Comuni di deliberare le riduzioni di aliquote a favore di tali soggetti”.

Intanto, è fissato per il 17 dicembre l'ultimo pagamento Imu, Imposta Municipale Unica.

“Non a caso la maggior parte dei Comuni italiani –  aggiunge Giansiracusa – ha deliberato aliquote agevolate a favore delle stesse cooperative. Per questo chiediamo al sindaco di aderire a questa interpretazione, evitando così  che la maggiorazione delle imposte che la cooperativa dovrà pagare ricada indirettamente sui soci assegnatari e sulle loro famiglie”.

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione a Librino, ladri piazzano bomba davanti a un tabacchi: un morto

  • Vertice a Catania sul Coronavirus: chi ha sintomi non vada in ospedale

  • Operazione Thor, 23 omicidi di mafia commessi in 20 anni: 23 arresti

  • Mafia, omicidi e lupara bianca: i nomi degli arrestati

  • Musumeci convoca nuovo vertice sul Coronavirus: in arrivo misure precauzionali

  • Bomba davanti a distributore tabacchi, identificata la vittima: 19enne incensurato e studente

Torna su
CataniaToday è in caricamento