"Fossa dei leoni", realizza un multi piano sul suolo pubblico: denunciato

L’uomo aveva costruito, senza alcuna concessione edilizia e in totale violazione delle leggi in materia sismica e di sicurezza sui luoghi di lavoro, una grande costruzione in cemento (praticamente un multi piano), occupando centinaia di metri sulla pubblica via

Nei giorni scorsi, su disposizione del Questore di Catania, personale del commissariato Librino ha effettuato controlli straordinari volti a contrastare l’illegalità diffusa nell’omonimo quartiere. In particolare, un controllo è stato effettuato in viale Grimaldi, nella nota “Fossa dei Leoni”, luogo di alta densità criminale, dove un pluripregiudicato è stato indagato per i reati gestione illegale di rifiuti speciali, abuso edilizio e invasione di terreni pubblici.

L’uomo aveva costruito, senza alcuna concessione edilizia e in totale violazione delle leggi in materia sismica e di sicurezza sui luoghi di lavoro, una grande costruzione in cemento (praticamente un multi piano), occupando centinaia di metri sulla pubblica via, riducendone in modo significativo, di fatto, un tratto. Presenti anche diversi quintali di materiale di risulta, rifiuti speciali pericolosi, che lo stesso aveva smaltito illegalmente, abbandonandoli sin anche nello spazio verde circostante, con verosimile danno ambientale causato anche dalle piogge che li trasportano nel sottosuolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’uomo, che è stato trovato intento a lavorare in quel luogo assieme ad altri 4 lavoratori in nero, ha ammesso le proprie responsabilità, precisando che in detta struttura realizzata nel demanio pubblico avrebbe voluto allestirvi un’autorimessa ed una stalla. La condotta dell’uomo è aggravata dalla circostanza che l’intero immobile era stato già completato. L’edificio è stato sottoposto a sequestro penale assieme all’attrezzatura da lavoro (betoniera, ponteggi, ecc.) e ai circa 1500 kilogrammi di rifiuti speciali, derivati dalla realizzazione della costruzione illegale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento