Mascali, c'è l'ok per la realizzazione di un nuovo scarico liquami in mare

L'opera costerà circa 24 milioni che rischiavano di andare perduti senza il parere positivo del Tar di Catania

Foto archivio

La prima sezione del Tar di Catania ha accolto il ricorso proposto dal Consorzio Servizio Depurazione dei liquami tra i comuni di Giarre, Riposto, Mascali, Fiumefreddo di Sicilia e Sant'Alfio. Era stato depositato contro il decreto del dirigente generale del Dipartimento regionale dell'Acqua e dei Rifiuti, il quale aveva respinto l'istanza del Consorzio per il rinnovo dell'autorizzazione allo scarico dell'impianto di depurazione a Sant'Anna, nel territorio di Mascali.

Il Consorzio che gestisce il servizio di depurazione attraverso un impianto costituito da due moduli di depurazione con scarico su un corpo recettore costituito dal torrente Macchia e successivamente nel Mar Jonio, potrà così realizzare un terzo modulo e una condotta sottomarina di allontanamento dei liquami depurati. L'opera costerà circa 24 milioni che, altrimenti, rischiavano di andare perduti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia dei carabinieri, 38 arresti: nuovo colpo al clan Santapaola-Ercolano

  • In manette i "broker" della droga sotto il segno del Malpassotu e dei Santapaola

  • Lido "Le Capannine", armi e stupefacenti nei bungalow: arrestato Salvatore Raciti

  • Incidente stradale nell'incrocio tra via Umberto e via Musumeci: passeggino travolto da una macchina

  • Blitz antimafia contro Cosa nostra etnea, i nomi degli arrestati

  • Violati i sigilli al laboratorio dell'Etoile d'Or: nuova ispezione e chiusura del bar

Torna su
CataniaToday è in caricamento