Mascali, c'è l'ok per la realizzazione di un nuovo scarico liquami in mare

L'opera costerà circa 24 milioni che rischiavano di andare perduti senza il parere positivo del Tar di Catania

Foto archivio

La prima sezione del Tar di Catania ha accolto il ricorso proposto dal Consorzio Servizio Depurazione dei liquami tra i comuni di Giarre, Riposto, Mascali, Fiumefreddo di Sicilia e Sant'Alfio. Era stato depositato contro il decreto del dirigente generale del Dipartimento regionale dell'Acqua e dei Rifiuti, il quale aveva respinto l'istanza del Consorzio per il rinnovo dell'autorizzazione allo scarico dell'impianto di depurazione a Sant'Anna, nel territorio di Mascali.

Il Consorzio che gestisce il servizio di depurazione attraverso un impianto costituito da due moduli di depurazione con scarico su un corpo recettore costituito dal torrente Macchia e successivamente nel Mar Jonio, potrà così realizzare un terzo modulo e una condotta sottomarina di allontanamento dei liquami depurati. L'opera costerà circa 24 milioni che, altrimenti, rischiavano di andare perduti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, auto si schianta contro spartitraffico: 4 morti

  • Strage dopo una serata in discoteca, nessuno indossava la cintura di sicurezza

  • La polizia arresta il gestore della "Trattoria il Principe"

  • Incidente stradale a Piano Tavola, 4 morti: Procura apre inchiesta

  • Con un elicottero avevano rubato la Biga di Morgantina nel cimitero di Catania: 17 arresti

  • Mafia: blitz antidroga della polizia contro il clan Arena a Librino

Torna su
CataniaToday è in caricamento