Giallo Mariella Cimò: il marito rimane in carcere per omicidio

La donna è scomparsa dall'abitazione della coppia, il 25 agosto del 2011, ma la denuncia è stata presentata dal marito il 5 settembre successivo. La coppia era sposata da 43 anni, ma negli ultimi periodi c'erano stati dei contrasti

Rimane in carcere Salvatore Di Grazia, l'uomo di 75 anni accusato di avere ucciso la moglie, Mariella Cimò, di 72, al culmine di una lite per motivi economici e passionali, facendo poi sparire il corpo.

L'uomo venne arrestato il 26 novembre scorso dai carabinieri di Catania. Lo ha deciso la quinta sezione del Tribunale del riesame che ha confermato l'ordinanza di custodia cautelare, per omicidio e soppressione di cadavere, emessa dal gip Alessandro Ricciardolo su richiesta del sostituto procuratore Angelo Busacca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna è scomparsa dall'abitazione della coppia, il 25 agosto del 2011, ma la denuncia è stata presentata dal marito il 5 settembre successivo. La coppia era sposata da 43 anni, ma negli ultimi periodi c'erano stati dei contrasti tra marito e moglie, in particolare sulla gestione di un autolavaggio self service per autovetture di Aci Sant'Antonio, di proprietà della Cimò e nel quale lavorava Di Grazia. La donna lo voleva vendere, mentre il marito era assolutamente contrario, anche perchè, sostengono i pm, lo utilizzava per incontri extraconiugali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva preso due aerei ed un taxi per tornare in Sicilia: morta 73enne

  • Coronavirus, ordinare a domicilio: la lista delle attività a Catania

  • Coronavirus, in Sicilia 1095 contagiati (+159), i morti a Catania sono 15

  • Fanno la spesa, ma non possono pagare: due cittadini identificati

  • "A casa con febbre e tosse, ma nessun tampone", il racconto di un giornalista di CataniaToday

  • Coronavirus, al Garibaldi già dieci guariti con la terapia "combinata"

Torna su
CataniaToday è in caricamento