Marraffino (M5S) si autotassa e dona un defibrillatore all'istituto Malerba

Il consigliere della seconda circoscrizione, attraverso un fondo creato con i risparmi derivanti dalla sua indennità, ha acquistato il prezioso strumento per la scuola

Ha acquistato un defribrillatore e l'ha donato all'istituto comprensivo Agatino Malerba. Il consigliere della seconda circoscrizione del Movimento Cinque Stelle Davide Marraffino ha consegnato nelle mani della dirigente scolastica, Agata Pappalardo, il prezioso strumento.

"Come portavoce del Movimento - spiega il consigliere - ho voluto restituire parte degli emolumenti percepiti sotto forma di donazione di un defibrillatore, strumento medicale di primo soccorso. Questo perché mi sono stranito come quasi in tutte le scuole del comune di Catania non vi siano gli strumenti necessari di primo soccorso per ristabilire la frequenza cardiaca in campo pediatrico e non".

"Qualche mese fa parlando con la dirigente- prosegue Marraffino - di questo istituto sono venuto a conoscenza che la maggior parte dei docenti in questa scuola ha effettuato un corso per il corretto utilizzo di tale strumento e quindi ho deciso di acquistarlo e donarlo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Acqua: quando berla per dimagrire

  • Via Capo Passero, agguato a un 33enne gambizzato davanti casa

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

  • Ritrovato al Maas lo squalo Mako: denunciato il commerciante

  • Duro colpo ai Brunetto: le dinamiche del clan tra estorsioni, minacce e pestaggi

  • Picanello, scoperto deposito per il riciclaggio di auto rubate: 4 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento