Maxi sequestro di 20 mila mascherine non sicure provenienti dalla Cina

L'ennesima operazione delle fiamme gialle porta a scoprire a Misterbianco una centrale di diffusione dei presidi senza marchio CE

Ancora un maxi sequestro di mascherine da parte del comando provinciale della guardia di finanza. Ancora una volta è Misterbianco il centro di smistamento di mascherine non sicure: ne sono state sequestrate 20mila. L'esercizio commerciale, gestito da un cinese, aveva le tanto "desiderate" mascherine senza  marcatura di qualità CE: tali prodotti, oltre ad essere di per sé potenzialmente nocivi per la salute, non avevano inoltre le istruzioni in italiano, in quanto provenienti direttamente dalla Cina, in assenza di qualsivoglia documentazione contabile e fiscale che ne attestasse la legittima provenienza nonché la conformità alle disposizioni vigenti in materia sanitaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Guarda il video

Per tale ragione, i militari hanno proceduto al sequestro amministrativo della merce ed hanno segnalato il titolare dell’attività commerciale alla camera di commercio per le relative sanzioni pecuniarie, che possono
arrivare ad un massimo di 200.000 euro.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Incidente stradale a Giarre, investito mentre attraversa la strada: muore nella notte

Torna su
CataniaToday è in caricamento