Si appropriavano della merce sequestrata, a giudizio 4 vigili

Quattro mesi fa i vigili indagati, Giovanni Gemmellaro, Santo Calderone, Aldo Midolo e Gaetano Villa, sono tornati al lavoro. Dovranno comparire in tribunale davanti alla terza sezione penale il prossimo 31 ottobre

Quattro vigili urbani di Catania sono stati rinviati a giudizio dal Gup Giuliana Sanmartino per concussione, abuso d'ufficio e il falso in atto pubblico. Sono accusati di avere abusato del loro ruolo per appropriarsi di merce di venditori ambulanti cinesi, senza redigere alcun verbale di sequestro.

In un caso si sarebbero impossessati, come scrive il Pm Angelo Busacca nella richiesta di rinvio a giudizio, di una bancarella e di 1.750 euro. I quattro vigili avrebbero anche redatto verbali con false attestazioni in cui veniva evidenziato che i sequestri di merce contraffatta avveniva con la fuga dei venditori ambulanti, fatti invece avvenuti in maniera diversa.

A marzo del 2011 il loro arresto subito trasformato in detenzione domiciliare, poi annulata dal Tribubunale del riesame. Quattro mesi fa i vigili indagati, Giovanni Gemmellaro, Santo Calderone, Aldo Midolo e Gaetano Villa, sono tornati al lavoro. Dovranno comparire in tribunale davanti alla terza sezione penale il prossimo 31 ottobre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vertice a Catania sul Coronavirus: chi ha sintomi non vada in ospedale

  • Coronavirus, Assessore Razza: "Sospetto caso positivo a Catania"

  • Operazione Thor, 23 omicidi di mafia commessi in 20 anni: 23 arresti

  • Giuseppe Torre, torturato e bruciato vivo: dopo 28 anni fatta luce sulla morte di un innocente

  • Mafia, omicidi e lupara bianca: i nomi degli arrestati

  • In arrivo oltre duecento assunzioni all'aeroporto di Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento