Messa in sicurezza della chiesa del Carmelo di Pennisi dopo il terremoto

Operazioni dei vigili del fuoco per realizzare una sorta di "vestito su misura" che avrà il compito di proteggere il campanile e la stessa chiesa dalle intemperie

Proseguono le operazioni per la messa in sicurezza e per la protezione dagli agenti atmosferici della chiesa del Carmelo di Pennisi. Questi interventi sono di fondamentale importanza per la conservazione dei beni danneggiati dal sisma del 26 dicembre, in attesa che vengano progettati e attuati i lavori di ripristino definitivo dell'immobile.

Il video dell'intervento dei vigili del fuoco sul campanile

I vigili del fuoco stanno attualmente lavorando per la costruzione della copertura provvisionale del campanile della chiesa. La struttura, realizzata con tubi innocenti, viene assemblata a terra per poi essere sollevata con l'ausilio di una autogrù e posizionata sulle strutture rimanenti del campanile. Si sta realizzando una sorta di "vestito su misura" che avrà il compito di proteggere il campanile e la stessa chiesa dalle intemperie.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Trema la terra a Catania, terremoto di magnitudo 3.3 nello Jonio

  • Cronaca

    Incendio al centro commerciale "I Ciclopi" spento dai vigili del fuoco

  • Incidenti stradali

    Auto parcheggiata in via Generale Ameglio prende fuoco

  • Video

    Sequestrati 21 chili di cocaina e armi in un allevamento di cavalli | Video

I più letti della settimana

  • Enjoy lascia Catania: troppe auto distrutte, Pogliese: "Grande amarezza"

  • Una organizzazione "svizzera" per il commando delle spaccate: bottino di oltre 174 mila euro

  • Concorso truccato all'università di Catania: condannata la commissione per abuso d'ufficio

  • La miglior pizza al mondo? E' catanese e porta la firma di Luciano Carciotto

  • Estortore del clan Santapaola arrestato a Misterbianco

  • Concorso truccato all’università di Catania: “Finalmente giustizia è fatta”

Torna su
CataniaToday è in caricamento