Un messaggio vocale nella chat sbagliata, Giovanni Grasso verso l'espulsione dal M5s

Il consigliere comunale pentastellato potrebbe essere messo alla porta a causa delle valutazioni critiche che avrebbe espresso nei confronti di compagni di partito

Giovanni Grasso, consigliere comunale di Catania e candidato a sindaco per il M5s alle precedenti elezioni amministrative, sarebbe stato messo alla porta dalla compagine grillina. Il condizionale è d'obbligo anche se la conferma arriva da fonti interne al movimento contattate da CataniaToday. 

La causa di tutto sarebbe il contenuto di una nota vocale inviata da Grasso per errore nella chat degli attivisti di via Filocomo, sede ufficiale del M5S di Catania, ma che evidentemente era destinata a qualcun'altro. Secondo le indiscrezioni trapelate, Grasso nella nota vocale avrebbe esternato le sue valutazioni critiche nei confronti di alcuni compagni di viaggio in Consiglio comunale.

Sarebbe stata una telefonata tra il vicesindaco, Roberto Bonaccorsi e Grasso a finire casualmente in una chat, in cui Bonaccorsi aveva affermato di essere pronto a querelare la Adorno. Bonaccorsi, come riferisce l'Agi, riferendosi alla capogruppo M5s, dice a Grasso "A' ntappo 'ndo muro" (la sbatto nel muro) e, successivamente, Grasso pronostica: "Questa (la Adorno, ndr) non la finirà", aggiungendo "a questa o ci date aiuto o non la finisce perché non lo capisce". Ed è a questo punto che il vicesindaco Bonaccorsi dice "ci vuole il colpo giusto". Grasso acconsente: "Il colpo giusto ci vuole, è così".

Tutta la faccenda sarà spiegata e chiarita in una conferenza stampa che dovrebbe tenersi i prossimi giorni. 

Giovanni Grasso potrebbe essere epurato con l'accusa di "intelligenza con il nemico", anche se non si esclude che il contenuto della nota possa contenere elementi offensivi che potrebbero essere oggetto di azione legale da parte dei soggetti interessati.

Potrebbe interessarti

  • Bagno al mare dopo aver mangiato: verità sul falso mito

  • Piazza Duomo, uomo salvato dai soccorritori della Misericordia: "Grazie ragazzi"

  • Risparmiare sulla bolletta della luce: alcuni consigli

  • Sindrome del colon irritabile: i cibi da evitare

I più letti della settimana

  • Bruno Barbieri a Catania per la penultima tappa di 4 Hotel: ecco gli sfidanti

  • Ritrovato lo studente Peppe Cannata, si trovava a Modica

  • Sezione "catturandi", eseguiti 9 ordini di carcerazione

  • Tre fermi per violenza sessuale di gruppo su una ragazza: picchiato il fidanzato

  • Torna il maltempo, allerta meteo 'gialla' su Catania: allagamenti a Riposto

  • I furbetti del reddito di cittadinanza che lavoravano in nero, denunciati dai carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento