Migranti ricoverati al Garibaldi, l'ospedale: "Malati trattati in isolamento"

Lo precisa il dottore Pintaudi,direttore del dipartimento di Emergenza e di Rianimazione del nosocomio che precisa: "il ricovero è stato disposto in camere singole di biocontenimento"

I trasferimenti nell'ospedale Garibaldi di Catania dei migranti fatti sbarcare per emergenza sanitari sono "stati attuati seguendo le procedure per l'isolamento di pazienti potenzialmente affetti da patologia infettiva a diffusione per via aerea". Lo precisa il dottore Sergio Pintaudi, referente regionale per il biocontenimento e sicurezza sanitaria regionale - Medevac, direttore del dipartimento di Emergenza e di Rianimazione del nosocomio. In una nota diffusa dall'ospedale dopo che il Codacons ieri aveva contestato i livelli di sicurezza, il dottor Pintaudi spiega che i pazienti sono stati trasferiti "in ambulanza dedicata della Cri, facendo indossare ai sospetti pazienti la prescritta maschera di isolamento denominata FFP3", che il loro trattamento al Garibaldi "è stato effettuato da personale dedicato ed appositamente formato e dotato degli appositi dispositivi di protezione individuale che dopo l'uso vengono eliminati in modalità specifica, all'interno della camera ISOARK, appositamente allestita in zona dedicata del Pronto Soccorso, dotata di accorgimenti specifici quali trattamento dell'aria in pressione negativa trattata mediante filtri Hepa e flussi laminari".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 E che "il ricovero dei pazienti affetti da patologia infettivo-diffusiva è stato disposto nella Struttura di Malattie Infettive in camere singole di biocontenimento a pressione dell'aria negativa". "Pertanto - osserva il dottore Pintaudi - ritengo di poter rassicurare il responsabile del Codacons e i concittadini catanesi che i protocolli seguiti da tutti gli operatori intervenuti Usmaf-Sans, Cri, Sanitari dell'Ospedale Garibaldi sono quelli elaborati e previsti per i casi occorsi su nave Diciotti, che l'iter del trasferimento e quello del trattamento non ha mai messo in pericolo né la popolazione né gli altri utenti dell'Ospedale e lo ringrazio per avermi dato l'opportunità di rappresentare alla popolazione il grado di avanzata capacità sanitaria che la nostra regione ha sviluppato nel settore della Sicurezza Sanitaria. Colgo infine - chiosa il dotte Pintaudi - l'occasione per ringraziare l'assessore alla Salute, Ruggero Razza, per aver condiviso e supportato con la sua presenza gli operatori sanitari

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reati fiscali, coinvolti nomi della cordata interessata al Calcio Catania: gli arrestati

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 10 luglio 2020

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, auto contro tir: morta una donna, grave il figlio

  • Chiusa un'officina abusiva grazie a una segnalazione sull'app YouPol

  • "Fake Credits", arrestato Paladino: futuro in bilico per il Calcio Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento