Call center Monalisa Contact: l'azienda chiude i battenti e i lavoratori non ci stanno

L'impresa ha deciso di licenziare tutti: tra i dipendenti si insinua il dubbio che dietro la chiusura ci sia una riapertura sotto altro nome per altri interessi

Per il prossimo lunedì 17 giugno è previsto uno sciopero dei lavoratori di Monalisa Contact, il call center di Misterbianco che da oltre dieci anni cura in subappalto le commesse di Vodafone Business. Lunedì in occasione dell’incontro di fine procedura presso l’ufficio del lavoro di Catania in via Coviello 6, i lavoratori hanno organizzato un sit-in.

L'azienda ha deciso di licenziare tutti per chiudere, ma tra i lavoratori si insinua il dubbio che dietro la chiusura ci sia una riapertura sotto altro nome per altri interessi imprenditoriali. Ai lavoratori è stato chiesto di passare dagli attuali contratti a tempo indeterminato ai co. co. co. in modo da scaricare sulle loro spalle ogni responsabilità. Contratti a cui i lavoratori erano obbligati fino a qualche anno fa quando la loro posizione lavorativa è migliorata. A distanza di pochi anni quella certezza è di nuovo messa in discussione, ma i circa 100 lavoratori e i sindacati che li rappresentano non ci stanno.

Ecco in occasione dell’incontro di fine procedura i lavoratori hanno organizzato un sit-in.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"È inaccettabile chiedere ai lavoratori di rinunciare a tutti i diritti sindacali pur di avere un pezzo di pane. Negli anni passati, a nostro avviso, sono stati commessi troppi errori nella gestione dell'azienda. Noi li abbiamo sempre denunciati, anche per iscritto, senza mai ricevere disponibilità. Ora scaricano sui lavoratori responsabilità e sascrifici. Purttroppo i nostri giovani, in questa terra amara o emigrano o accettano condizioni primitive". dichiara il segretario regionale Snalv, Confsal Antonio Santonocito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento